Epifania Joyce: trama e tecnica narrativa

Libri

Epifania Joyce: trama e tecnica narrativa

epifania
La statua di James Joyce in Earl Street a Dublino.

Una delle tecniche narrative più celebri utilizzate dallo scrittore irlandese James Joyce.

Ci siamo occupati da poco dei significati religiosi dell’Epifania. Ma questo termine si presta a molti altri utilizzi e a interpretazioni diverse. In maniera particolare nell’arte. Ad esempio in letteratura, soprattutto se si parla di letteratura contemporanea, collocata dai primi del Novecento in poi. Ecco un esempio illustre, anzi, forse il più illustre di tutti.
Chi ha letto The DublinersGente di Dublino in italiano -, o ne ha studiato dei passaggi ai tempi del liceo, sa chi è stato James Joyce, quale sia stato il “peso specifico” dello scrittore irlandese a livello letterario, e quali siano le sue specifiche tecniche narrative. Lo stream of consciousness appartiene principalmente all’Ulisse, mentre nelle quindici novelle di The Dubliners (pubblicate per la prima volta a puntate sulla rivista The Irish Homestead nel 1906) si manifesta per la prima volta la tecnica dell’epifania.
In The Dubliners, Joyce mette in scena la vita di gente semplice e umile di Dublino, oscillando dalla prima alla terza persona per sottolineare l’alternanza di discorsi interiori e narrazione esterna.

Nelle vicende raccontate, l’epifania si verifica quando uno dei personaggi, a causa di un evento fortuito, un ricordo, una frase, un gesto, una persona o un oggetto che attraversano incidentalmente la sua traiettoria esistenziale, ha una sorta di rivelazione, un passaggio esistenziale che gli svela delle verità celate e/o sopite della propria vita. L’epifania è una sorta di punto di non ritorno, dopo il quale il personaggio che ne viene investito non è più lo stesso e non guarda più il mondo alla stessa maniera: questo lo porterà, subitaneamente o in maniera graduale, a transitare dall’iniziale stato di paralisi – sempre esistenziale – a uno di movimento, di azione e infine di fuga. Fuga che, peraltro, è sovente destinata allo scacco. Nella letteratura di Joyce, da The Dubliners in poi, stream of consciousness ed epifania convivono.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche

Loading...