Equitalia ancora sotto mira COMMENTA  

Equitalia ancora sotto mira COMMENTA  

Non passa giorno che Equitalia non finisca sotto il mirino degli italiani, non solo attraverso azioni organizzate, ma anche indistinte ed individuali da parte  di semplici cittadini stanchi delle inostenibili pressioni fiscali .Dopo il falso attentato bomba dello scorso Mercoledì nella sede di Genova e quello di Giovedì all’Aquila, ieri un’altra busta sospetta è stata recapitata agli uffici romani di via Grezar.

All’interno c’era della polvere pirica senza innesto ( non poteva esplodere).  Ripercorriamo le tappe degli eventi minatori: Lo scorso 9  Dicembre il gruppo anarchico Fai rivendicò la  spedizione del pacco bomba che ferì  direttore generale di Equitalia, Marco Cuccagna; il 12 Dicembre un altro petardo esplose alla sede napoletana, poi ancora una volta a Roma, prima alla sede di lungotevere Flaminio, poi a quella di via Millevoi.

Il 22 Dicembre vennero inviate buste “esplosive” alla sede della Borsa di Piazza Affari a Milano e ad Equitalia di Via San Gregorio; il 4 Gennaio a Perugia, il 5 a Livorno; poi Ischia, Gorizia e nuovamente Milano.

Il 2 Febbraio è il turno di La Spezia; a Marzo quello di Cosenza, Ivrea, Genova e Roma. Ieri invec,e un imprenditore del settore edile, ha preso a calci e pugni due ispettori di Equitalia, dopo che i due si erano presentati nello studio di un commercialista in cui aveva la sede legale.

L'articolo prosegue subito dopo

L’aggressore dovrà rispondere del reato di percosse, per gli aggressori tutto è finito con una passeggiata in ambulanza!

Leggi anche

2 Commenti su Equitalia ancora sotto mira

  1. credo che equitalia sia veramente una mano infida del governo contro i cittadini. non si possono applicare certe multe a chi già fa fatica a pagare o permettere di farsi portar via gli strumenti dI lavoro. è una vergogna! lo stato si metta una mano sulla coscienza in virtù di tutte le mangerie e gli sprechi incomprensibili di loro stessi! VERGOGNATEVI!!!!!!!!! condanno ogni fatto di violenza ma posso ben comprenderli.

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*