Equitalia: pignoramento su cani e gatti

Animali

Equitalia: pignoramento su cani e gatti

hotel-con-cane

Novità poco piacevole per tutti coloro che possiedono un animale domestico. Da oggi Equitalia equipara cani e gatti ad una “res” (cosa) dal punto di vista giuridico, e per questo sarà possibile farli rientrare tra i beni oggetti di pignoramento. Potranno, cioè, essere sequestrati poiché considerati fonte di reddito. La conferma arriva da un ufficiale intervistato che lo scorso 16 Aprile è intervenuto nella trasmissione televisiva “Ballarò”. Tuttavia, a pensarci bene, i cani o i gatti non sono oggetti, e tantomeno sono valutabili alla stregua di questi.

Il valore degli animali domestici è meramente affettivo, e quindi esiste una vera e propria “ritorsione sull’affetto” che in realtà vieterebbe all’ufficiale giudiziario di procedere al pignoramento. Scende in campo contro la pignorabilità di cani e gatti l’ex ministro del Turismo di Forza Italia, Michela Vittoria Brambilla, da sempre grande animalista e sostenitrice dei diritti degli animali. Nonostante cresca sempre più la sensibilità collettiva verso gli animali, negli ultimi anni, in alcune vertenze giudiziarie, gli animali domestici sono stati pignorati e messi all’asta proprio come succede per qualsiasi altro oggetto comune.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche