Errori di diagnosi per le contusioni ossee

Salute

Errori di diagnosi per le contusioni ossee

Le contusioni ossee hanno al loro attivo una lunga storia di diagnosi difficili da effettuare o completamente errate.

Il motivo di questa difficoltà sta nel fatto che non vengono rilevate da un normale esame a raggi x e fino agli anni ’80, cioè fino all’invenzione e utilizzo della risonanza magnetica (MRI), i medici erano spesso portati a fornire una diagnosi sbagliata.

La tecnica della risonanza magnetica può rrestituire un’immagine più accurata dell’infortunio subìto e ha permesso ai medici di essere finalmente in grado di vedere che non era l’osso stesso a essere rimasto danneggiato dall’evento traumatico, ma piuttosto lo strato esterno che contiene l’intricata ragnatela dei vasi sanguigni.

E’ proprio la rottura di questi vasi sanguigni che è la causa del colore della contusione che appare sulla pelle intorno alla zona colpita.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche