Esami medici sempre più inutili COMMENTA  

Esami medici sempre più inutili COMMENTA  

Tra i medici che subiscono più denunce dai pazienti ci sono i ginecologici ospedalieri, insieme a chirurghi ed ortopedici. Proprio oggi, 12 Febbraio, i ginecologi e le ostetriche hanno proclamato uno sciopero, per denunciare la grave situazione in cui versa la loro categoria e la sanità in generale.  Negli ultimi quindici anni si sono triplicate le denunce fatte ai medici. Questi si trovano ora a pagare premi molto alti alle loro assicurazioni professionali, e alcune compagnie assicurative non vogliono più stipulare polizze con questa categoria di professionisti.

Leggi anche: Foggia: rogo nella baraccopoli degli immigrati


Gran parte dei procedimenti penali si conclude con l’esclusione della responsabilità dei medici dalle vicende per cui sono stati denunciati. Di conseguenza, per evitare di finire in un’aula del Tribunale, i dottori prescrivono una serie di esami medici, la maggior parte dei quali assolutamente inutile.

Leggi anche: Legge di bilancio: le novità della manovra punto per punto

Ecografie, Tac, radiografie vengono effettuate unicamente per evitare eventuali rimostranze da parte dei pazienti e avere elementi da esibire in una causa. Gli esami superflui, però, hanno un costo, che va a gravare sulla sanità pubblica (già peraltro in deficit).

Leggi anche

stefano-cucchi
Cronaca

Ilaria Cucchi pubblica la foto di Natale di Stefano, ‘avrai giustizia’

Ha postato una foto natalizia. Ma non è certo uno scatto che porta a sorridere, quello pubblicato poco fa su Facebook da Ilaria Cucchi, sorella di Stefano, morto il 22 ottobre 2009 durante la custodia cautelare. Da quel giorno Ilaria e la famiglia sono coinvolti in uno dei casi di cronaca giudiziaria più complessi ed intricati degli ultimi anni poichè coinvolge anche agenti di polizia penitenziaria, oltre ad alcuni carabinieri e medici del carcere di Regina Coeli. La foto mostra un sorridente Stefano con indosso un cappello da Babbo Natale, appoggiato al tavolo di fronte all'albero di Natale; nel messaggio Leggi tutto

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*