Esplosione all’Ilva di Taranto

Bari

Esplosione all’Ilva di Taranto

Esplosione all'Ilva di Taranto
Esplosione all'Ilva di Taranto

Senza conseguenze per fortuna l’esplosione verificatasi oggi all’Ilva

Ieri era deceduto un operaio colpito da una tubatura

Quest’oggi all’Ilva di Taranto si è verificata un’esplosione al reparto colata continua, che ha procurato un’esplosione con la fuoriuscita di un quantitativo di acciaio fuso, fortunatamente senza conseguenze tranne che per un lavoratore portato in infermeria per il forte spavento.

Solo ieri, Cosimo Martucci, era deceduto all’interno della fabbrica, colpito in testa da una tubatura, la cui imbracatura avrebbe ceduto forse per un mal posizionamento. I carabinieri stanno attualmente indagando e l’intera area, che è interessata dai lavori previsti dall’Aia per continuare a produrre, è attualmente sotto sequestro.

Intanto è terminato lo sciopero indetto dai sindacati per lavoratori diretti e dell’indotto Ilva alla notizia della morte di Cosimo Martucci, con l’astensione dal lavoro che ha però registrato una bassa adesione, intorno al 20%, almeno nei primi due turni, forse perchè molti sindacalisti erano fuori per un convegno con i colleghi della siderurgia di tutta Europa.

Alcuni operai, però, hanno deciso di devolvere il corrispettivo di ore alla famiglia del collega deceduto, mentre una quarantina di delegati sindacali siderurgici belgi, olandesi, austriaci, tedeschi, slovacchi, britannici, finlandesi, svedesi, italiani, francesi e spagnoli oggi depone una corona di fiori sul luogo dove si è verificata la tragedia per poi visitare gli impianti.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*