Estate e insetti, consigli anti-puntura

News

Estate e insetti, consigli anti-puntura

punture-di-insetti

Vespe, api, ragni e zanzare. Soprattutto quando arriva la bella stagione, non è raro essere punti da uno di questi insetti. Il tipo di eruzione cutanea e il fastidio che ne deriva dipendono dalla sensibilità individuale. Ecco qualche rimedio naturale che può servire per ridurre il prurito o prevenire le punture.

Per limitare il fastidio è indicato l’olio essenziale di melissa (Melissa officinalis), antiallergica e antidolorifica. Basta scioglierne due gocce in mezzo bicchiere di acqua e tamponare la zona per 10 minuti alla mattina e alla sera fino alla scomparsa della lesione. Un altro ottimo rimedio anti-prurito sono le foglie fresche di basilico (Ocimum basilicum): vanno tritate e, insieme al loro succo, applicate avvolte in una garza alla mattina e alla sera per 10 minuti per un giorno o due. Localmente è possibile spalmare, con un batuffolo di cotone, 10 gocce di tintura madre di calendula (Calendula officinalis), sempre alla mattina e alla sera, per uno o due giorni.

Per risolvere (o almeno limitare) il problema all’origine, è utile ricorrere all’olio essenziale di citronella. Oltre ai numerosi prodotti che si trovano in commercio (candele profumate, spray, ecc.) è possibile preparare in casa una crema a base di questa sostanza naturale, utilizzando 15 gocce di olio essenziale da mescolare a 50 cc di crema base idratante. Questo preparato si può applicare sulle parti di pelle scoperta, alla sera, quando le zanzare sono più aggressive.

In caso di reazione allergica per punture di vespa, ape o ragno, è utile il macerato glicerico di ribes nero (Ribes nigrum): bisogna prenderne 30 gocce in due dita di acqua prima di colazione, e verso le 15 per due o tre giorni. Un’azione analoga è svolta dal macerato glicerico di ontano nero (Alnus glutinosa) che, oltre ad avere un effetto antinfiammatorio, è efficace anche sulle infezioni nella loro forma iniziale: 30 gocce in due dita di acqua prima di colazione e di cena per cinque o sei giorni favoriscono una guarigione più rapida delle lesioni. Per ridurre prurito e bruciore si può anche applicare del ghiaccio o impacchi freddi sulla zona colpita.

 

 

 

 

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche

Loading...