Euro May day 2008 a Milano in Porta Ticinese

Il primo maggio alle 15 in Porta Ticinese, a Milano, i precari scenderanno in piazza al grido di «No Borders, No Precarity» per dar via alla “Mayday”, la street parade dei lavoratori atipici e migranti. La manifestazione si svolge contemporaneamente in 15 città europee, da Madrid ad Helsinki, passando per due metropoli giapponesi: Tokyo e Osaka.

Leggi anche: El comendatur Mohamed

L’IDEA – La Mayday è un’invenzione tutta italiana, nata nel 2001 a Milano da un’idea del gruppo Chainworkers. Il fine della Mayday Parade è di sollevare il problema della precarietà per mezzo di uno stile festoso e colorato, con carri, musica e allegorie.

Leggi anche: 101 Cose da fare a Milano almeno una volta nella vita

SAN PRECARIO – San Precario, il santo più famoso del Web, raggruppa sotto la propria ala protettrice i nuovi lavoratori atipici d’Europa. Invenzione creativa milanese, San Precario ha fatto proseliti e annovera molti seguaci in tutta Euroopa: lavoratori dei call center, degli aeroporti, dello spettacolo e della moda, dell’informazione e della formazione, della ricerca, delle cooperative sociali, della distribuzione, operai delle fabbriche e dei servizi. Con l’aggiunta di studenti e stagisti.

Leggi anche: I tamarri, ogni anno 12000 scherzi telefonici al 118

Le tessere del puzzle distribuito durante la «Mayday»
LA PARADE – Tra le novità presenti alla Mayday 2008 c’è un gioco-puzzle che verrà distribuito durante la manifestazione (foto a destra). Il puzzle è una metafora della condizione di vita dei precari tra un lavoro malpagato e la ricerca del prossimo contratto a termine, tra insicurezza e sogni di tanti giovani che vorrebbero costruirsi un futuro e soprattutto una famiglia. Ogni simbolo presente nel puzzle è abbinato a un carro della manifestazione e rappresenta una categoria di lavoratori o un aspetto della vita comune a tutti i lavoratori atipici.

L'articolo prosegue subito dopo

Leggi anche: In Equilibrium con il nostro ecosistema…

CITY OF GODS – Anche i lavoratori dei media, precari e precarie, si sono organizzati e hanno oggi un nuovo strumento di comunicazione: un giornale innovativo, “City of Gods”, che si può consultare su www.precaria.org. Il nuovo numero verrà distribuito in formato pocket durante la “Mayday Parade” e si può scaricare in versione pdf da questo indirizzo.

Leggi anche: Un campo magnetico all’asilo?

Ecco la parade del 2007:

Segnala questo articolo su:Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*