Europei Volley, Italia eliminata dalla Russia

Sport

Europei Volley, Italia eliminata dalla Russia

La nazionale femminile di pallavolo saluta i Campionati Europei ai quarti di finale, sconfitta dalla Russia per 3 a 1.

Dire che, nell’aria, c’è amarezza, è poco. Questa, per essere chiari, avrebbe dovuto essere la finale del torneo. Perdere lì, soprattutto contro una squadra come la Russia, vera regina, per tradizione, degli Europei, sarebbe stato accettabile, perché all’Italia sarebbe rimasta la certezza di avere percorso il cammino fino in fondo.

In questa situazione, invece, l’Italia non può sottrarsi a qualche critica.

Le azzurre di Marco Bonitta sono senza alcun dubbio la squadra più forte d’Europa, soprattutto finché Eleonora Lo Bianco (35 anni) avrà fiato e voglia di stare lì in mezzo al campo a distribuire palloni in attacco. Eppure – e questo è il vero errore di questi Europei – ha perso contro l’Olanda per 3 a 0, autorelegandosi al secondo posto nel girone, ovvero costringendosi a disputare i playoff per l’accesso ai quarti, ovvero imboccando un percorso lungo il quale l’incrocio con la Russia era inevitabile.

Contro le olandesi padrone di casa si è vista la peggiore Italia degli ultimi tempi, specie per quanto riguarda la ricezione, e a nulla vale, in termini di alibi, l’ammettere che la prestazione delle avversarie sia stata di livello davvero molto alto.

Quella era una partita da non perdere, punto e basta.

Ieri, le azzurre, tornate in campo in apertura con Eleonora Lo Bianco in palleggio, Valentina Diouf opposto, Lucia e Caterina Bosetti schiacciatrici, Martina Guiggi e Cristina Chirichella centrali e Monica De Gennaro libero, hanno alternato fasi di ottimo gioco a momenti di vero smarrimento, ma non si sono mai lasciate scappare la Russia se non in alcuni finali di set.

Il primo parziale, 28 a 30, racconta bene la battaglia svoltasi in campo, spesso risoltasi sul filo della tensione nervosa (condizione alla quale le russe sono sembrate più abituate) fra un challenge e l’altro. Ma è stato proprio il set iniziale quello più affetto da errori, con una Valentina Diouf irriconoscibile, che non è riuscita a mettere giù che pochi palloni (la ragazza è una fuoriclasse, ma è giovane e, soprattutto, abituata a scalzare difese meno prestanti di quella russa, specie in termini di pura altezza, perciò deve imparare a usare, a volte, più l’astuzia della potenza).

Nella seconda frazione, infatti, l’Italia ha dominato in modo ineccepibile, dimostrando che, se tutte le giocatrici riescono a dare il meglio, non c’è avversario che tenga, almeno in Europa.

25 a 20 il finale e risultato riportato in parità, 1 a 1.

Il terzo set è tornato ad assomigliare al primo, pure nel risultato finale, con la differenza che non si è andati al tie break. 25 a 23 per la Russia, che si è riportata davanti al termine di una frazione combattuta e decisa davvero sugli episodi, per alcuni dei quali, se parlassimo di calcio, cosa che per fortuna non è, varrebbe il sospetto di un arbitraggio parziale in favore delle russe.

Nell’ultimo set, le energie nervose delle azzurre sono sembrate finite. Le ragazze hanno tenuto il ritmo delle avversarie finché hanno potuto, poi Obmochaeva e compagne hanno preso il largo, fino al 25 a 20 conclusivo, che significa 3 a 1 e semifinale.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche