Europei Volley, Italia – Francia 2-3

Sport

Europei Volley, Italia – Francia 2-3

Prima sconfitta per la nazionale maschile di pallavolo impegnata ai Campionati Europei. Sul campo del Palavela di Torino, la Francia ha sconfitto gli azzurri completando una rimonta pazzesca, da 2 a 0 a 2 a 3.

Non è un danno irreparabile, ma un danno, di sicuro, lo è. Con la vittoria di ieri, la Francia passa prima nel girone e va ai quarti senza passare dai playoff, che invece toccheranno ai ragazzi di Blengini, che dovranno affrontare la Finlandia martedì a Busto Arsizio.

Partita storta come poche, ma iniziata benissimo. Gli azzurri, dopo avere faticato un po’ sui primi palloni, hanno preso il largo conquistando primo e secondo set con una pallavolo di alto livello. Giannelli alzatore ha fatto cose ottime (al solito, viene ormai da dire), il trio Lanza, Juantorena, Zaytsev ha mostrato la giusta cattiveria in attacco, e pure i centrali Buti e Piano e il libero Colaci hanno giocato molto bene.

La Francia non è squadra da poco, ma nella prima ora di gioco circa non è mai riuscita a sovrastare l’Italia.

Poi, all’improvviso, la luce azzurra si è spenta.

Calo di concentrazione, calo di motivazione o calo fisico poco importa. Dal terzo set in poi la Francia ha giocato meglio, pur giocando sempre nello stesso modo, con l’aggiunta di quella fiducia che viene dal vedere che si conquistano punti su punti, quella che fa difendere palloni indifendibili, a un millimetro da terra sul proprio campo e, un attimo dopo, proprio a terra nel campo avversario.

Poco da dire. Se l’Italia ha incertezze di questo tipo, non si arriva lontano.

L’ultima volta è stato contro gli USA (però gli USA sono gli USA e, con rispetto parlando, la Francia è un’altra cosa), con i quali l’Italia perse 3 a 0 alla Volley World Cup giapponese. Da lì in poi, zero sconfitte.

Vedremo se la reazione sarà la stessa, ma il danno del dover giocare una partita in più è ormai fatto, anche se questo non implica certo che non si possa arrivare fino infondo alla competizione.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche

Loading...