F1, Barcellona: Hamilton il più veloce sul bagnato COMMENTA  

F1, Barcellona: Hamilton il più veloce sul bagnato COMMENTA  

Chiusura dei test di Barcellona, all’insegna del freddo e della pioggia. A sfidare il maltempo ci ha pensato Lewis Hamilton. Il pilota inglese della Mercedes ha fatto registrare il miglior tempo, nella sessione mattutina, in 1:23:282. Subito dietro Hamilton, si sono piazzati, Jenson Button (McLaren, +0.350) e Vergne (3°, Toro Rosso).

Solamente la prima parte di giornata è stata sfruttata (anche se non al meglio), per ulteriori aggiornamenti aerodinamici e prove di long run. La seconda sessione, è stata bloccata da un forte acquazzone che ha condizionato tutte le scuderie. Ad avere la peggio, è stato Felipe Massa. Il brasiliano della Ferrari, che ha preso il posto di Alonso, per quest’ultima giornata di prove, è stato l’autore di un fuori pista, senza particolari conseguenze, nei primi giri della mattina a causa dell’asfalto scivoloso.

Leggi anche: Automobilisti, ecco le 9 situazioni che lo fanno arrabbiare


Duello per un posto guida in Force India tra Adrian Sutil e Jules Bianchi. La scuderia Indiana deciderà solo nell’ultima sessione di test, prevista dal 28 febbraio al 3 marzo, sempre a Montmelò, chi sarà il nuovo compagno di box di Paul Di Resta.

Leggi anche: Dino Ferrari low-cost: per modo di dire


 

Leggi anche

video-shock-motociclista
Moto

Cade da un burrone: il video shock del motociclista che pensa di morire

Due motociclisti sono precipitati giù da un burrone. Il più grande dei due è riuscito a registrare dei messaggi di addio per la sua famiglia mentre era inerme a terra, accanto all'amico morto Credeva che la fine fosse arrivata anche per lui, il motociclista Kevin Diepenbrock, che è finito in un burrone insieme all'amico Philip Polito. I due stavano facendo un giro in moto, attraversando il confine tra Tennessee e North Carolina, quando una brusca frenata ha fatto si che i due scivolassero in un burrone. Philip, 29 anni, non ce l'ha fatta ed è morto sul colpo mentre Kevin Leggi tutto

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*