F1, Dominio Red Bull a Suzuka. Vettel beffa Webber e si avvicina al 4° titolo COMMENTA  

F1, Dominio Red Bull a Suzuka. Vettel beffa Webber e si avvicina al 4° titolo COMMENTA  

GP del Giappone nel segno della Red Bull. Dopo la pole di ieri, Mark Webber deve arrendersi alla superiorità di Sebastian Vettel. Il campione tedesco ottiene l’ennesima vittoria (5^ consecutiva) e si avvicina al suo 4° titolo mondiale. A completare il podio ci pensa Grosjean (Lotus) dopo una dura lotta nelle ultime tornate proprio con l’australiano della Red Bull. Alonso riesce a risalire al 4° posto e a salvare il weekend della Ferrari, mentre Raikkonen chiude 5° dopo un’ennesima rimonta. Hulkenberg e Gutierrez concludono in 6^ e 7^ posizione dimostrando il grande potenziale della Sauber (motorizzata Ferrari). Solo 10° Felipe Massa.

Leggi anche: Automobilisti, ecco le 9 situazioni che lo fanno arrabbiare


 

Cronaca della Gara: Al via le due Red Bull vengono infilate dalla Lotus di un ottimo Grosjean. Vettel, che tocca l’ala anteriore e fora lo pneumatico di Hamilton è costretto ad accodarsi in 3^ posizione, mentre il pilota inglese della Mercedes dopo poche tornate si ritira dalla corsa a causa di problemi tecnici. Da segnalare l’incidente al primo giro tra Van der Garde e Bainchi.

Leggi anche: Dino Ferrari low-cost: per modo di dire


All’ 12° giro il primo pit stop con le prime tre posizioni che rimangono invariate (Grosjean, Webber, Vettel), ma con le Ferrari di Alonso e Massa (in difficoltà sul passo di gara) in 5^ e 6^ posizione, superate anche dalla Sauber di Hulkenberg. Drive Through invece per Rosberg (al momento in 4^ posizione), per aver messo in pericolo la corsia dei box al momento dell’uscita al cambio gomme.


I primi 3 piloti nella parte centrale della gara continuano a spingere guadagnando molti secondi sugli inseguitori (Hulkenberg e le due Ferrari).

Webber grazie ad un’ottima strategia durante il secondo sprint (26° giro), riesce a sopravanzare Grosjean e a portarsi al comando, mentre Raikkonen (partito in 9°), comincia a rimontare fino a portarsi in 6^ posizione subito dietro a Fernando Alonso.

L'articolo prosegue subito dopo


Alla 36^ tornata, Drive Through anche per Massa per aver superato il limite di percorrenza dei box. il pilota brasiliano (6^ posizione) sarà così costretto a rimontare per riuscire a guadagnare qualche punto per la classifica costruttori.

Dopo il secondo pit stop Vettel si porta all’inseguimento di Grosjean, passandolo a 11 giri dal termine e conquistando la 2^ posizione.

A 10 giri dal termini Webber effettua il 3° pit stop ricominciando dalla 3^ posizione, ma inserendo pneumatici a mescola media pronto a dare battaglia nelle ultime tornata al compagno di squadra. Alonso nel frattempo riesce a guadagnare la 4^ posizione sfilando all’esterno la Sauber di Hulkenberg, mentre Massa viene passato da Rosberg tornando in 9^ posizione.

Il cambio gomme però non porta buon esiti per Webber che si accontenta della 2^ posizione finale superando nelle ultime 2 tornate solamente la Lotus di Grosjean. Da segnalare il sorpasso di Raikkonen nei confronti di Hulkenberg ottenendo la definitiva 5^ posizione.

 

Classifica Piloti: 1. Vettel (297 pt.) – 2. Alonso (207 pt.) – 3. Raikkonen (177 pt.) – 4. Hamilton (161 pt.)

Classifica Costruttori: 1. Red Bull (445 pt.) – 2. Ferrari (297 pt.) – 3. Mercedes (287 pt.) – 4. Lotus (264 pt.)

Leggi anche

video-shock-motociclista
Moto

Cade da un burrone: il video shock del motociclista che pensa di morire

Due motociclisti sono precipitati giù da un burrone. Il più grande dei due è riuscito a registrare dei messaggi di addio per la sua famiglia mentre era inerme a terra, accanto all'amico morto Credeva che la fine fosse arrivata anche per lui, il motociclista Kevin Diepenbrock, che è finito in un burrone insieme all'amico Philip Polito. I due stavano facendo un giro in moto, attraversando il confine tra Tennessee e North Carolina, quando una brusca frenata ha fatto si che i due scivolassero in un burrone. Philip, 29 anni, non ce l'ha fatta ed è morto sul colpo mentre Kevin Leggi tutto

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*