F1, GP del Brasile: Vettel dominatore assoluto del mondiale

Auto

F1, GP del Brasile: Vettel dominatore assoluto del mondiale

Sebastian Vettel va ad aggiudicarsi un entusiasmante GP d’Interlagos ricco di colpi di scena. Il campione del mondo tedesco della Red Bull riesce a trionfare per la 13^ volta, eguagliando il record del connazionale Michael Schumacher. A completare il podio dell’ultima tappa del mondiale, Mark Webber (2°) con l’altra lattina blu e la Ferrari di Fernando Alonso (3°). Il finale di stagione vede però confermare la Mercedes in 2^ posizione nella classifica costruttori proprio ai danni del cavallino rampante, che non è riuscito nell’impresa sperata. Infatti Felipe Massa (all’ultima uscita sulla monoposto di Maranello) chiude solamente al 7° posto dietro le McLaren di Button (4°) e Perez (6°) e alla Mercedes di Rosberg (5°).

Cronaca della gara: Dopo la pioggia, che ha coinvolto le libere di venerdì e le qualifiche di ieri, l’ultimo GP del 2013 inizia con pista asciutta, ma con i piloti preoccupati per non aver mai provato con gli pneumatici slick.

A semafori spenti partono male Vettel e Alonso che si fanno infilare all’esterno dalle Mercedes di Rosberg e Hamilton, ma al termine del primo giro riescono a rimediare facilmente recuperando le rispettive posizioni.

Al 4° giro la Lotus di Grosjean è costretta al ritiro a causa della rottura del propulsore, mentre uno scatenato Alonso riesce a superare Nico Rosberg conquistando la 2^ posizione. Il duello tra Mercedes (4^ e 5^) e Ferrari (2^ e 6^) si accende fin da subito, ma con le monoposto tedesche in leggera difficoltà. Da segnalare la Red Bull di Webber che riesce a scavalcare Rosberg portandosi in 3^ posizione.

Al 13° giro la breve battaglia tra Webber e Alonso si conclude con il pilota australiano ad avere la meglio e riportando le due Red Bull in 1^ e 2^ posizione. Anche Massa (Ferrari) cerca una prova d’orgoglio conquistando la 5^ piazza sempre a discapito di Rosberg (Mercedes).

Alla 20^ tornata comincia la bagarre dei pit stop con la maggior parte dei piloti che rischiano di cambiare gli pneumatici (sempre “slick”) anche con la pioggia in arrivo.

Al termine del primo sprint le due Ferrari riescono a guadagnare posizioni con Alonso (3°, con gomme “hard”) e Massa (4°, con gomme “medie”) davanti ad Hamilton, Button (McLaren) e Rosberg.

La bella corsa di Massa però viene interrotta per un drive through (giro 35) dopo aver superato con tutte e quattro le ruote l’entrata ai box, complicando la rimonta del cavallino per la classifica costruttori.

Nel corso del 45° giro rientrano ai box alcuni piloti (in una fase confusionale della gara) dove inseriscono pneumatici a mescola dura (hard) pur di ottenere prestazioni migliori.

Ma due giri più avanti succede l’incredibile con un’incidente che ha coinvolto la Williams di Bottas, uscito di pista dopo un contatto con Hamilton, e la foratura dello pneumatico destro posteriore dello stesso pilota inglese, che riesce ugualmente a rientrare ai box per effettuare la sostituzione.

Al 52° giro però Hamilton rientra ancora una volta ai box per effettuare un drive through dopo il contatto con Bottas, scendendo in classifica (11°) e rimescolando le carte in gioco nella lotta “propulsori”.

Le ultime tornate, caratterizzate per molti Km dalle bandiere gialle, vedono Vettel continuare tranquillamente a fare l’andatura, con Webber alle sue spalle e con un rassegnato Ferando Alonso (3°) ormai consapevole del 2° gradino finale della Mercedes nella classifica costruttori.

Classifica Piloti: 1. Vettel (397 pt.) – 2. Alonso (242 pt.) – 3. Webber (199 pt.) – 4. Hamilton (189 pt.)

Classifica Costruttori: 1. Red Bull (596 pt.) – 2. Mercedes (360 pt.) – 3.

Ferrari (354) – 4. Lotus (315 pt.)

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche