F1, GP della Malesia: Le ultime da Sepang - Notizie.it
F1, GP della Malesia: Le ultime da Sepang
Auto

F1, GP della Malesia: Le ultime da Sepang

Domenica di nuovo in pista per il 2° round del Mondiale di Formula 1. Tutti i piloti sono arrivati sul circuito malesiano già con qualche giorno d’anticipo concentrati a prepararsi al meglio, specialmente se si viene da una settimana stressante come quella passata in Australia. Ad attenderli ci sarà il gran caldo e un cielo dalle previsioni incerte, che fanno sperare in un’altro fine settimana di passione.

Pochissime saranno le novità tecniche che le scuderie apporteranno per il prossimo week-end. La differenza la dovrà fare sicuramente il pilota. E qui, entra in ballo la McLaren. Non certo in gran forma all’esordio, anzi molto deludente per le prestazioni poco convincenti in gara. Button e Perez, dovranno riscattarsi se non vogliono darla vinta all’amico/nemico Hamilton, di cui il discusso passaggio alla Mercedes sembrava una sorta di affronto, un tradimento da mercenario. Per ora il pilota inglese ha risposto duramente alle critiche, per la cronaca: –“Se decido di muovermi lo faccio solo per vincere”,- dimostrando in pista che, per adesso, aveva ragione lui.

Certo la scuderia tedesca ha ancora molto da lavorare ,specialmente sul long-run, ma quello che conta alla fine, è essere davanti in classifica generale.

Sensazioni positive vengono dal box Ferrari. Le buone impressioni della prima gara, fanno intendere che rispetto all’anno scorso qualcosa è cambiato. Eppure, nella passata edizione del GP di Sepang, Fernando Alonso, nonostante una vettura non all’altezza, riuscì in un’impresa memorabile passando dall’ottava posizione in griglia di partenza, fino a concludere al comando (in 58 giri), con una splendida rimonta. Bisogna mantenere la calma, è quello che direbbe il Team Manager della Rossa, Stefano Dominicali. Il cavallino, dovrà lavorare intensamente in futuro per cercare di migliorare sul giro secco, fondamentale per riuscire a completare al meglio l’opera.

Occhio alla Lotus, una macchina preparata nei minimi dettagli sopratutto sul ritmo di gara. Un’avversario in più per gli uomini di Maranello, Red Bull permettendo.

Appuntamento a domani, con le due sessioni di prove libere.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*