F1, GP di Austin: 8^ vittoria di fila per Sebastian Vettel COMMENTA  

F1, GP di Austin: 8^ vittoria di fila per Sebastian Vettel COMMENTA  

Il Texas regala un’altra gioia a Sebastian Vettel. Il tedesco della Red Bull riesce a regalarsi il 12° successo stagionale (8^ vittoria di fila) non lasciando alcuna soddisfazione agli avversari (pole, vittoria e giro veloce ), anche a mondiale già conquistato. A completare il podio ci pensano un audace Grosjean con un’ottima Lotus, e uno “sfortunato” Mark Webber (3°, Red Bull). La Mercedes di Lewis Hamilton riesce a concludere in 4^ posizione guadagnando ulteriori punti in classifica costruttori, mentre Fernando Alonso chiude 5° dopo una battaglia all’ultima curva con la Sauber di Hulkenberg (6°).

 

Cronaca della gara: Si parte subito con un incidente che ha visto coinvolta la monoposto di Adrian Sutil (Force India). Il pilota tedesco non riesce a controllare la vettura andando in testa coda, distruggendo l’avantreno e costringendo la safety car ad entrare in pista. Al via una buona accelerazione di Grosjean costringe Webber ad arretrare di posizioni consegnando la 2^ posizione al pilota francese, che va a posizionarsi subito dietro a Vettel. Ottimo avvio anche per Hamilton e Perez, che riescono a sfruttare al meglio la parte più pulita della griglia e a scavalcare rispettivamente Hulkenberg (5°)e Alonso (7°). Da segnalare la retrocessione alla 15^ posizione in griglia di partenza per Button a causa di un sorpasso irregolare durante le prove libere di venerdì, e della Sauber di Gutierrez costretto a partire dalla 20^ piazza (-10 posizioni).

Le basse temperature della pista (35°), consentono ai piloti di proseguire per molti Km con gli stessi pneumatici, puntando in una strategia di un solo pit stop.

Leggi anche: Le auto nei telefilm anni 80


Nel corso del 12° giro, Mark Webber riesce a rimontare portandosi in 3^ posizione dopo un bel sorpasso in staccato sull’esterno ai danni di Hamilton, mentre il terzetto formato da Hulkenberg, Perez e Alonso (7°) si allontana di molto dal gruppo di testa.

Leggi anche: Toyota PAY PER DRIVE


I Pit stop iniziano a diventare più frequenti intorno al 20^ tornata e la gara comincia ad entrare nel vivo, con le Ferrari di Alonso e Massa in lotta rispettivamente con le McLaren di Perez e Button. Grazie ad una buona strategia, il pilota spagnolo del cavallino riesce a sovrastare Perez conquistando la 6^ posizione e portandosi all’attacco della Mercedes Lewis Hamilton (4°).

Nella parte finale della corsa la Red Bull di Webber mette nel mirino la Lotus di Grosjean (2°), mentre nelle retrovie Nico Rosberg, con l’altra freccia d’argento, cerca di risalire in zona punti.


A dieci giri dal termine una grande manovra da parte di Fernando Alonso gli consente di sovrastare la Sauber di Hulkenberg ed agguantare la 5^ posizione, non riuscendo però a superare il diretto avversario Hamilton, a causa del degrado degli pneumatici.

L'articolo prosegue subito dopo


Negli ultimi giri Grosjean riesce a resistere agli attacchi di Webber (nonostante i  problemi ai freni), concludendo alle spalle del solitario Sebastian Vettel.

 

Classifica Piloti: 1. Vettel (372 pt.) – 2. Alonso (227 pt.) – 3. Hamilton (187 pt.) – 4. Raikkonen (183 pt.)

Classifica Costruttori: 1. Red Bull (553 pt.) – 2. Mercedes (348 pt.) – 3. Ferrari (333 pt.) – 4. Lotus (315 pt.)

Leggi anche

video-shock-motociclista
Moto

Cade da un burrone: il video shock del motociclista che pensa di morire

Due motociclisti sono precipitati giù da un burrone. Il più grande dei due è riuscito a registrare dei messaggi di addio per la sua famiglia mentre era inerme a terra, accanto all'amico morto Credeva che la fine fosse arrivata anche per lui, il motociclista Kevin Diepenbrock, che è finito in un burrone insieme all'amico Philip Polito. I due stavano facendo un giro in moto, attraversando il confine tra Tennessee e North Carolina, quando una brusca frenata ha fatto si che i due scivolassero in un burrone. Philip, 29 anni, non ce l'ha fatta ed è morto sul colpo mentre Kevin Leggi tutto

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*