F1, Nel ricordo di Enzo Ferrari COMMENTA  

F1, Nel ricordo di Enzo Ferrari COMMENTA  

Ricorrono oggi i 25 anni dalla morte di uno dei più grandi simboli dell’automobilismo italiano e mondiale. Enzo Ferrari denominato il “Drake”, è riuscito a  trasformare una piccola officina di provincia, di fine anni ’20, nella più prestigiosa e vincente “Scuderia” di tutti i tempi. La sua visione positiva del futuro, l’ha portato a raggiungere traguardi straordinari. Giornalista, ingegnere, pilota, ma soprattutto imprenditore, uno di quelli impavidi che amano il rischio. In poche parole, una semplice avventura diventata presto leggenda.

Leggi anche: Automobilisti, ecco le 9 situazioni che lo fanno arrabbiare


A Maranello si celebra l’anniversario della sua scomparsa con una mostra dedicata alla sua creazione, quel mito che porta il suo nome nel segno indelebile del “Cavallino rampante”. A ricordarlo oltre al figlio Piero (Presidente Onorario), tutti gli uomini che fanno parte di questa grande famiglia, senza dimenticare l’attuale leader Luca Cordero di Montezemolo“Ferrari è un esempio da tenere sempre a mente.

Leggi anche: Dino Ferrari low-cost: per modo di dire

La sua tenacia nel guardare in avanti e in positivo, anche nei momenti difficili, ha fatto si che questa grande azienda possa essere riconosciuta a livello internazionale”.

Guardando al presente, la Ferrari e tutto quello che circonda il mondo della Formula 1, sembra aver perso quello smalto di un tempo.

Basti pensare solamente all’approvazione di un regolamento che vieti lo sviluppo dei motori. Un colpo all’anima di chi come lui, cercava nel propulsore il vero e unico motivo di competizione.

L'articolo prosegue subito dopo

Una lotta all’ultimo “cavallo”, quella che oggi è diventata semplicemente un triste ricordo.

Leggi anche

video-shock-motociclista
Moto

Cade da un burrone: il video shock del motociclista che pensa di morire

Due motociclisti sono precipitati giù da un burrone. Il più grande dei due è riuscito a registrare dei messaggi di addio per la sua famiglia mentre era inerme a terra, accanto all'amico morto Credeva che la fine fosse arrivata anche per lui, il motociclista Kevin Diepenbrock, che è finito in un burrone insieme all'amico Philip Polito. I due stavano facendo un giro in moto, attraversando il confine tra Tennessee e North Carolina, quando una brusca frenata ha fatto si che i due scivolassero in un burrone. Philip, 29 anni, non ce l'ha fatta ed è morto sul colpo mentre Kevin Leggi tutto

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*