Fabrizio Corona recita nei panni di un carabiniere, rivolta del Coisp

Fabrizio Corona recita nei panni di un carabiniere, rivolta del Coisp

Il re dei paparazzi Fabrizio Corona potrebbe interpretare un carabiniere nella nuova fiction Mediaset “Una Vita Spezzata”. Ancora non è chiaro se sia una trovata pubblicitaria per far parlare del prodotto oppure una reale possibilità, ma la reazione del Sindacato indipendente di polizia (Coisp) non si è fatta attendere nelle parole del suo segretario generale Franco Maccari che ha annunciato sin da ora un boicottaggio della rete qualora Corona dovesse effettivamente rivestire i panni di un carabiniere.

“Risulta impossibile contenere l’indignazione di tutti gli uomini e le donne delle forze dell’ordine”, dice Maccari, ” che sono offesi e nauseati dal continuo svilimento mediatico di un lavoro difficile, faticoso, pericoloso, mai adeguatamente ripagato.”

La scelta di Corona per interpretare un poliziotto risulta in effetti a dir poco ironica data la sua fedina penale nella quale figurano i reati più disparati. E l’indignazione di Coisp, nella persona di Franco Maccari, continua con uno sguardo al passato in cui la figura del carabiniere era simbolo di dedizione e non di spregiudicatezza: “Quanto sono lontani i tempi in cui Massimo Ranieri interpretava Salvo D’Acquisto, emozionando l’Italia intera e richiamando ognuno alla difesa dei valori fondanti del nostro Paese: la solidarietà, la giustizia, la democrazia. Oggi si pensa di sostituire l’eroismo di Salvo D’Acquisto con il fascino scapestrato di un Fabrizio Corona qualunque: un personaggio senza altro merito se non quello di sapersi muovere in maniera spregiudicata nei sottoscala del successo, e di essersi costruito un curriculum criminale di tutto rispetto, se si considerano le sue condanne per reati”

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche

Loading...