Facebook Reactions, le nuove emoji abbinate al ‘mi piace’ COMMENTA  

Facebook Reactions, le nuove emoji abbinate al ‘mi piace’ COMMENTA  

facebook

Evoluzione ‘storica’ per Facebook, che da alcuni giorni ha reso disponibile una nuova funzione destinata a modificare la modalità di utilizzo del social network. In tanti hanno chiesto a lungo che venisse inserito il tasto ‘non mi piace’ accanto al ‘mi piace’ ma i programmatori di Facebook hanno messo a punto ben altro e milioni di italiani in queste ore se ne sono accorti. Parliamo delle Reactions, una serie di emoji, cinque al momento, abbinate al tasto ‘mi piace’ per esprimere il proprio sentimento dopo la lettura del post. Vale a dire che il mi piace assume in tal modo diverse ‘sfumature’ che vanno dal semplice apprezzamento di quanto letto fino alla rabbia, passando per la tristezza, la gioia e l’amore. Le emoji compaiono tenendo premuto il tasto mi piace, nel caso di smartphone o tablet e se ci si passa sopra con il puntatore del Pc. Alcune sono animate, come ad esempio il cuore di Love, che pulsa, accanto al quale troviamo Wow, Sigh, Gree e Haha. Insomma dopo dieci anni dalla nascita di Facebook, Zuckerberg continua a sperimentare, e dopo un anno di test ha finalmente reso disponibili le Reacionts che vanno di fatto a superare la frontiera del Like.


Sammi Krug, product manager delle Reactions di Facebook, ha parlato di “un grande cambiamento” per il social sottolineando: “Le persone accedono a Facebook per condividere ogni genere di storia, che sia felice o triste, divertente o provocatoria.

Abbiamo notato che sarebbero contenti di avere nuovi modi per esprimere i propri sentimenti”. Se ad esempio un amico ha subito un lutto in famiglia, i suoi contatti potranno esprimere la loro tristezza con un Sigh, oppure cliccare su Haha in caso di una battuta.

Eliminata invece la possibilità di introdurre il tasto ‘non mi piace’, perchè genererebbe troppa negatività sul social network.

Leggi anche

Tecnologia

Firma digitale: quante se ne possono avere

Nel nostro sistema giurisprudenziale, la firma digitale viene definita per la prima volta nel DPR 10 novembre 1997 n. 513 che disciplina la” formazione , l’archiviazione e la trasmissione di documenti con strumenti informatici e telematici”. Leggi tutto

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*