Falciato sull’A4 dopo un incidente con la fidanzata: Nicholas morto a 19 anni COMMENTA  

Falciato sull’A4 dopo un incidente con la fidanzata: Nicholas morto a 19 anni COMMENTA  

Terribile ‘doppio’ incidente con, purtroppo, una vittima, quello avvenuto nella notte lungo l’autostrada A4. L’episodio si è verificato tra i caselli di Montebello e Montecchio Maggiore, direzione Venezia, e ha provocato la morte di un diciannovenne, Nicholas Andrioletti di Vicenza, che si trovava nell’auto guidata dalla fidanzata, una Seat Ibiza, quando improvvisamente la ragazza, Veronica Gonella, 20 anni di Vicenza, ha perso il controllo del veicolo. Il mezzo ha sbandato sulla destra andando ad urtare il guard rail per poi rimbalzare verso la carreggiata, arrestandosi accanto ad essa, proprio sulla terza corsia. A quel punto i due giovani, rimasti incolumi sono scesi dall’auto per verificare i danni subiti, un gesto che è costato loro molto caro.

Leggi anche: Gravissimo incidente sull’A4: tir pirata travolge un’auto, due morti


In quel momento infatti è sopraggiunta una Bmw che ha falciato in pieno Nicholas, morto sul colpo. Il giovane è infatti uscito dalla porta del guidatore perchè quella del passeggero è rimasta danneggiata in seguito all’urto.

Leggi anche: Autostrada A4, tir in fiamme: aggiornamenti traffico

Nulla ha potuto fare per schivare l’auto in arrivo, mentre la sua fidanzata è riuscita a mettersi in salvo. Alla guida della Bmw c’era un 62enne, Bruno Piazza di Valli del Pasubio, il quale ha spiegato agli agenti di essersi reso conto che c’era un veicolo fermo in mezzo all’autostrada solo all’ultimo momento e nonostante la repentina frenata non ha potuto evitare la tragedia.

Il 19enne ha perso la vita all’istante ed ogni tentativo di rianimarlo in loco è risultato vano.

Leggi anche

Giovane muore di emorragia: l'ultimo saluto del suo amico fido Mollie
Esteri

Giovane muore di emorragia: l’ultimo saluto del suo amico fido Mollie

Un video che è diventato subito virale: Ryan Jessen, 33 anni ha un forte mal di testa ma in ospedale scopre di avere una emorragia cerebrale. Il video del suo cane, che lo sostiene e gli porge l'ultimo saluto   E' proprio vero che il cane è il migliore amico dell'uomo. E questa è una delle migliaia di dimostrazioni. Così, Ryan Jessen, un giovane di 33 anni, ha scoperto di essere sul finir della vita dopo essere stato in ospedale a causa di una terribile emicrania. Ma gli accertamenti alcuni accertamenti hanno rivelato che di emicrania non si trattava: Ryan Jessen aveva infatti Leggi tutto

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*