Fallimenti nel 2011

Aziende

Fallimenti nel 2011

Quasi 12.000 aziende in meno in Italia, nel 2011

La Cgia di Mestre lancia l’allarme sui fallimenti delle aziende: ben 11.615 nel 2011. Numeri record mai raggiunti nell’arco di quattro anni. In particolare, le vittime della recessione sono le piccole medie imprese, che rappresentano una fetta importante del prodotto interno lordo italiano. Giuseppe Bortolussi, segretario della Cgia, sostiene che le cause sono la riduzione della domanda interna, il ritardo pagamenti e le restrizioni delle banche. Il dato più interessante è che la Lombardia è in cima alla lista dei fallimenti con la chiusura di 2.613 aziende, al secondo posto il Lazio con 1.215 e al terzo il Veneto con 1.122. Trionfa quasi la Valle d’Aosta con 9 chiusure. Non solo le aziende soffrono la crisi e subiscono perdite ma anche i disoccupati aumentano; secondo le recenti stime del 2011 i disoccupati sono 50.000 a causa dei fallimenti delle aziende.

Stefania Ditta

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche