Faraoni contro il suo passato

Inter

Faraoni contro il suo passato

Davide Faraoni
Davide Faraoni

La partita con la Lazio, per Davide Faraoni è una gara particolare. Perché lui, con la maglia biancoceleste ci è cresciuto, prima di approdare all’Inter. Nato a Bracciano, il ventenne centrocampista scoperto da Ranieri è arrivato a Formello quando aveva solo nove anni e ha lasciato la Lazio proprio quando era ad un solo passo dalla prima squadra. Quando non aveva ancora compiuto i diciassette anni, infatti, fu chiamato tre volte in ritiro con la prima squadra, prima di farsi male ad un ginocchio. Proprio l’infortunio, fu la causa della sua rottura con la società in cui era nato. Decise di operarsi a Villa Stuart e la Lazio non pagò l’operazione e le spese mediche, 30 mila euro circa, che ricaddero su lui e la sua famiglia. Il comportamento della società, scavò in quella occasione un vero e proprio fossato che non si sarebbe più colmato e quando l’Inter bussò all’uscio di casa Faraoni, trovò terreno fertile per raggiungere l’accordo.

Anche altre squadre avevano messo gli occhi su di lui, ma l’offerta nerazzurra seminò la concorrenza di Milan e altre squadre inglesi, anche se in un primo momento Faraoni fu costretto a smentire l’accordo raggiunto sul sito ufficiale della Lazio. Che la partita con la Lazio non sia una gara normale per Faraoni, lo dimostra anche il fatto che per la prima volta la famiglia del giocatore lo vedrà dal vivo, essendosi già spostata a Milano per la partita di Coppa Italia con il Genoa. Resta la ferita provocata dal comportamento della società biancoceleste, che comunque non rappresenta una novità dalle parti di Formello, da dove già diversi giocatori hanno deciso di fare le valigie, nel corso del tempo, a partire da Macheda. Proprio come Faraoni.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche