FARE GLI SCRITTORI FREELANCE - Notizie.it

FARE GLI SCRITTORI FREELANCE

Guide

FARE GLI SCRITTORI FREELANCE

Scrivere per giornali e riviste

  1. Colonne. I giornali sono ancora in vita e, nonostante le trasformazioni subite nell’era di Internet, vengono scritti da scrittori veri. Molte testate hanno dovuto effettuare dei tagli ed hanno ridotto il loro budget per i freelance, così come per le posizioni interne. Alcune colonne vengono scritte gratis, cosa che non pagherà le vostre bollette, ma vi renderà possibile farvi conoscere. Il pagamento per le colonne varia in base al giornale ed alla sua tiratura; per un giornale molto grande sarà pagata di più di una scritta per un piccolo settimanale di provincia, ma possono far fare passi da gigante alla vostra carriera; riuscire ad avere un posto fisso in un giornale è molto difficile, c’è molta competizione.

Non avete bisogno di una Laurea in giornalismo per scrivere le colonne, ma ne avrete bisogno se volete un posto fisso; in qualunque caso, se riuscirete a dimostrare di poter fare un buon lavoro rispettando le scadenze, vi verranno date più responsabilità.

Se scrivete cinque o dieci pezzi pagati alla settimana inizierete ad avere delle buone entrate. Per iniziare dovete colpire l’editore con la vostra storia, ma, alla fine, riuscirete a diventare un colonnista o ad ottenere lavori come freelance.

  1. Riviste. Le riviste stanno guadagnando visibilità in ogni settore. La Austin American-Statesman ha recentemente constatato che la produzione di riviste è in ascesa, con nuove pubblicazioni in moltissime città. Inseritevi nel meccanismo allora; possono volerci mesi prima che un editore si accorga di voi, ma potete farcela!

Molto spesso gli editori delle riviste vogliono che voi scegliate un argomento; può essere preoccupante l’idea che il vostro progetto venga rubato da qualcuno. Questo può succedere a volte, ma è molto raro se pubblicate per riviste di una certa importanza. Potrete ovviare questo problema scegliendo una storia che dipenda da una certa fonte, come un articolo scritto su qualcuno della vostra città che faceva il giocoliere al circo, per esempio, così che, anche se cercassero di rubarvi l’idea, voi sareste gli unici a sapere chi intervistare per scrivere il pezzo.

Fate attenzione a ciò che le riviste pubblicano ogni mese e indirizzate i vostri articoli verso quegli argomenti.

Chiedete qual è il budget editoriale per quel mese, perché le riviste programmano i loro numeri anche con un anno di anticipo. Potete dare un’occhiata agli argomenti per trovare nuove idee e poi scrivere delle storie che siano il linea col numero in uscita. Al contrario dei giornali, sembra che alle riviste serva un lasso di tempo molto lungo per pubblicare le vostre storie e fanno storie sui pagamenti; le scadenze sono mesi prima della data di pubblicazione, mentre il pagamento, di solito, avviene dopo. Le riviste sono disposte a pagare qualunque cifra, da pochi soldi per un pezzo corto, a diverse migliaia di euro per un pezzo di spicco.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*