Faringite negli adulti: sintomi, cura e durata

Faringite negli adulti: sintomi, cura e durata

Guide

Faringite negli adulti: sintomi, cura e durata

faringite negli adulti sintomi cura e durata
faringite negli adulti sintomi cura e durata

La faringite è un disturbo che ci accompagna per tutto l’arco della vita: si manifesta sin dall’infanzia per proseguire in età adulta.

Il nome deriva dall’organo che è oggetto della malattia infiammatoria e che più frequentemente di altri si indebolisce: la faringe.

Le cause sono le più diverse: dal semplice raffreddore preso con un colpo d’aria, o per condizioni climatiche avverse, si passa ai batteri e ai virus influenzali, per non parlare di malattie ben più gravi come il tumore.

I sintomi sono quelli noti, ossia un forte mal di gola accompagnato da ingrossamento delle ghiandole linfonodali, dalla presenza di ulcere, da febbre, starnuti, tosse, infiammazione della mucosa, e a volte anche nausea e vomito.

Il disagio è garantito perché il malato in questo caso ha problemi di ingestione di cibo e malessere diffuso che gli procura una profonda astenia. Tra le cause, però, non ci sono solo influenza e infezioni, ma esistono anche altri fattori patogeni che hanno come conseguenza la faringite: si tratta di infezioni dentali o dell’orecchio, addirittura gastriche come il reflusso gastroesofageo che espelle liquidi gastrici molto acidi.

Le terapie per la cura di questo disturbo variano a seconda della causa individuata attraverso un’attenta diagnosi dei sintomi e analisi cliniche: alcuni antibiotici curano in modo mirato il disturbo ma si consigliano sempre “i rimedi della nonna”, cioè cibi caldi, un buon riposo in un luogo caldo e riparato, e dopo solo cinque o sei giorni si può prevedere che la malattia venga debellata.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*