Farmaco anoressizzante: si trova in Farmacia, guai enormi al Ministero

Salute

Farmaco anoressizzante: si trova in Farmacia, guai enormi al Ministero

Farmaco anoressizzante: si trova in Farmacia, guai enormi al Ministero
Farmaco anoressizzante: si trova in Farmacia, guai enormi al Ministero

Morte e danni permanenti a causa di un farmaco anoressizzante vietato ma venduto in Farmacia. E al Ministero della Salute ora tira aria di guai.

Problemi all’orizzonte per ben sette alti dirigenti del Ministero della Salute finiti sotto inchiesta. Il motivo? In base alle indagini della Guardia di Finanza, gli uomini non avrebbero correttamente vigilato sul regime di quelle sostanze che provocano l’anoressia.

Ma non solo. Sembra siano stati anche giudicati direttamente responsabili della morte di una donna avvenuta a causa di una dieta a base di norefedrina e dei danni permanenti subiti da un’altra, colpita da ictus due anni fa.

La norefedrina è una sostanza vietata da maggio 2015 ma non inserita nelle tabelle delle sostanze proibite. Come la fendimetrazina, farmaco bandito ma comunque venduto in alcune farmacie italiane.

La fendimetrazina aveva contribuito al decesso di Luigi Marzulli. Il 37enne che, nel 2009, perse la vita a causa di una dieta dimagrante a base di questo preparato.

La “Food and drug administration” aveva proibito il commercio di queste sostanze.

Ciò nonostante, in Italia le si potevano acquistare tranquillamente in farmacia sotto forma di preparati galenici, ovvero realizzati direttamente nel laboratorio della farmacia stessa.

Ora, per i dirigenti ministeriali, c’è il reato di disastro colposo.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche

hand-351277_960_720
Salute

Come combattere le rughe con rimedi naturali

27 luglio 2017 di Maura Lugano

Sono le nemiche numero uno di ogni donna di ogni età, sono le rughe, le tanto odiate rughe, segno del tempo che passa, testimoni di una bellezza che di giorno in giorno cambia e si evolve. Le rughe, tra l’altro, iniziano ad essere il cruccio degli uomini, sempre più interessati al loro aspetto, e che talvolta attingono direttamente dalle donne i consigli per prendersi cura di sé, anche dei propri segni del tempo che passa.
La grande attrice Anna Magnani implorava i truccatori che non le coprissero nemmeno una delle rughe del viso, per lei esse erano simbolo delle esperienze belle e brutte della vita, ma oggi giorno si inizia presto a prendersi cura di questo problema, ogni donna ci tiene ad avere un aspetto giovane che le dia sicurezza, compiacimento e che susciti ammirazione.
Tante donne, soprattutto quelle che per varie ragioni vedono sul proprio viso apparire segni marcati di invecchiamento, desiderano un viso più piacevole, ma non vogliono ricorrere alla siringa o al bisturi, oppure non ne hanno la possibilità. Sono sempre più numerose quelle che cercano delle soluzioni naturali e dei prodotti naturali, in questa loro ricerca sicuramente possono trovare un aiuto e anche una soluzione.