Fatturazione elettronica: come fare e come funziona

Guide

Fatturazione elettronica: come fare e come funziona

Fatturazione elettronica

Ancora oggi una novità per molti di noi. Ma al tempo stesso qualcosa con cui dovremo presto fare i conti: è il sistema di fatturazione elettronica.

Abbiamo già avuto modo di vedere come funziona una fatturazione elettronica – divenuta materia di regolamentazione di legge dal 2014, e obbligatorio per le imprese dal primo trimestre del 2015 – da privato a privato. Proviamo ora a descrivere in linea più generale come funziona il sistema di fatturazione elettronica, e come comportarsi per evitare di utilizzarlo nella maniera sbagliata, rischiando di incorrere in brutte sorprese. Basta infatti poco per trasgredire il protocollo previsto dalle direttive ministeriali, e vedersi invalidata la fatturazione.
Intanto il tipo di file attraverso cui produrre una fattura elettronica. L’unica tipologia di file accettata per questo tipo di documento fiscale è il .XML, non sono pertanto ritenuti accettabili altri tipi di file. Inoltre, il documento non deve contenere macroistruzioni, né codici eseguibili o link che possano modificare le funzionalità, la struttura e/o i contenuti del documento stesso.

Anche il contenuto e la sintassi del documento sono regolamentati secondo parametri molto precisi: il vademecum sull’argomento redatto dall’Agenzia delle Entrate consta di ben 75 pagine!!!
Le principali aziende che forniscono servizi di fatturazione elettronica sono Aruba, Infocert, Postel, Fatture in Cloud, TabulaCloud, Fattura 24, Zucchetti e Sap. Molte di queste offrono anche promozioni che prevedono gratuità per sei mesi o un anno, quindi è opportuno confrontare prezzi, offerte e modalità di pagamento. Infine, per poter essere considerata valida, la fattura elettronica deve essere corredata da firma digitale.
Giova ricordare che lo scopo primario del sistema di fatturazione elettronica è il risparmio del consumo di carta e la riduzione di emissioni di anidride carbonica nell’aria. Pertanto, fatto salvo il contributo dei singoli liberi professionisti, è soprattutto sulle aziende di taglia medio-grande che si insiste in tema di sensibilizzazione. Per inaugurare il nuovo corso e, in un certo senso, “dare il buon esempio”, la Pubblica Amministrazione è stata la prima ad adottare in maniera massiccia la fatturazione elettronica.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Loading...