Fegato: dove si trova e caratteristiche principali di un organo fondamentale COMMENTA  

Fegato: dove si trova e caratteristiche principali di un organo fondamentale COMMENTA  

fegato
Dove si trova il fegato: a destra o a sinistra?

Che cos’è il fegato, dove si trova e quali sono le sue funzioni. Ecco tutte le caratteristihe di un organo fondamentale per la salute dell’uomo.


Spesso non siamo in grado di definire accuratamente la giusta posizione del fegato. Come per molti altri organi si hanno delle vaghe idee a riguardo: soltanto indicativamente sappiamo dove si trovino. Saperlo con precisione potrebbe tornare molto utile, specialmente quando si avvertono dei dolori sospetti.


Che cos’è il fegato?

Il fegato è una ghiandola molto importante del nostro corpo che svolge numerose funzioni importantissime e spesso anche sconosciute alla maggior parte delle persone. Tra i compiti più importanti del fegato rientra la produzione della bile, la quale si riserva di emulsionare i grassi, rendendone possibile l’assorbimento dall’intestino. Il fegato è responsabile anche della formazione del glucosio, essenziale per nutrire le cellule. Inoltre sintetizza il colesterolo e i trigliceridi, entrambi fondamentali per le nostre cellule.infine è un deposito di emergenza per alcune sostanze come la vitamina B12, il rame e il ferro.


Il fegato svolge anche un’altra funzione: distrugge le sostanze di scarto che non servono più, come ad esempio l’emoglobina e l’ammoniaca. L’ammoniaca viene trasformata in urea per essere più tollerabile dal nostro organismo. È, in un certo senso, una sorta di spugna per le sostanze tossicheche filtra le sostanza prima nominate migliorando il nostro equilibrio interno. Metabolizzando le sostanze chimiche, possiamo assumere farmaci che sprigionano così i principi attivi attraverso l’azione della nostra ghiandola. Un’altra funzione curiosa e fondamentale del fegato consiste, nei primi tre mesi di gestazione, a produrre i globuli rossi nel feto, in attesa che il midollo osseo si sviluppi compiutamente.

L'articolo prosegue subito dopo


Per capire dove si trova il fegato basta sapere che si trova sotto al diaframma, più precisamente tra diaframma, colon trasverso e stomaco. La sua forma ricorda un triangolo dagli angoli piuttosto smussati e presenta due lobi principali, uno destro e uno sinistro, collegati tra loro. Il lobo destro è il più grande e il più lontano, il sinistro è il più piccolo e si estende verso il centro dell’addome, giù verso lo sterno. Il fegato si trova nella parte destra superiore dell’addome, sotto la gabbia toracica. Un fegato umano normale può pesare tra 1,44 e 1,66 kg.

Cosa fare in caso di dolori al fianco e al fegato

Se ci accorgiamo di un certo gonfiore della zona o di alcune fitte percepite all’altezza del fegato, dobbiamo considerare alcuni fattori. In primis, dolori al fegato possono essere dovuti ad un regime alimentare scorretto: abuso di alcol e consumo di cibi molto grassi sono certamente responsabili di un ingrossamento della ghiandola. I dolori possono anche essere indice di calcoli renali, o addirittura di epatite.

Innanzitutto, vista l’importanza che il fegato gioca nel funzionamento del nostro organismo, occorre rivolgersi subito ad un medico il quale potrà prescrivere farmaci e consigliare un’alimentazione sana e bilanciata. In ogni caso, è bene svolgere in normali controlli per avere diagnosi precise. Il dolore al fegato può manifestarsi sotto forma di fitte acute durante e dopo i pasti. Di solito si possono avvertire tali fitte anche dopo l’attività fisica o anche in gravidanza.

Come possiamo aiutare il fegato a “stare meglio”?

Una cosa fondamentale è non abusare di farmaci e sostanze sia alcoliche che dolci. Inoltre, è importante mangiare alimenti che aiutano il fegato a depurarsi. Eccone alcuni:

  • il tè verde, ricco di antiossidanti e catechina;
  • le mele lo aiutano a depurare il corpo dalle tossine grazie alla pectina;
  • l’aglio (una testa) attiva gli enzini anti-tossina grazie a selenio e allicina;
  • il pompelmo e tutti gli agrumi per la vitamina C, incevatori naturali della depurazione di questo organo;
  • le barbabietole e carote che contengono i flavonoidi e il betacarotene, fautori del miglioramento generale di tutte le funzioni dell’oganismo;
  • rucola e spinaci, invece, assieme ai vegetali a foglia verde, purificano il sangue poichè sono ricchi di clorofilla che serve ad eliminare i metalli pesanti.

Ma non è finita qui, ci sono anche l’avocado e gli oli EVO, di canapa e i semi di lino: tutti toccasana per il nostro fegato ma non solo, rendono anche le nostre pietanze più buone e gustose. Anche cavoli e cavolfiori stimolano l’attivazione di enzimi fondamentali per la depurazione, così come i broccoli; le noci con la loro arginina, un aminoacido, aiutano il fegato a liberarsi dall’ammoniaca, ma bisogna masticarle bene prima di ingerirle. La vitamina C dei limoni poi permette la sintetizzazione di materiali tossici in sostanze assorbibili dall’acqua e poi eliminate, le vitamine B dei cereali e del riso integrale migliorano sia il metabolismo che il funzionamento del fegato.

Una spezia sicuramente da prediligere per la depurazione del fegato è la curcuma, ottima per insaporire verdure e legumi e altri piatti. La spezia infatti assiste l’attività degli enzimi che eliminano le tossine dannose, soprattutto quelle con potere cancerogeno. Questa spezia indiana va sempre accompagnata da un pochino di pepe (meglio quello nero) se no il suo enzima non si attiva correttamente. Se non piace il pepe funziona lo stesso, naturalmente. Infine, tra le verdure è doverso annoverare anche gli asparagi e le sue foglie, che sono preziose per la protezione del fegato soprattutto dai danni provocati dall’alcol.

 

 

Leggi anche

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*