Felicemente in menopausa

Wellness

Felicemente in menopausa

Alda Merini, poetessa italian, deceduta circa 3 anni fa, ha definito la menopausa ” il periodo dorato dell’amore” ; l’umorista Erma Bombeck non è mai riuscita a spiegarsi come mai i rtimi biologici facciano sì che “l‘inizio della menopausa e della scuola guida al figlio adolescente capitino nella stessa settimana”. La fine del flusso mestruale avviene, oggi, come ai tempi dei greci e dei romani intorno ai 50 anni; il ciclo biologico della fertilità è insensibile a qualsiasi genere di cambiamento sociale, economico e fisico. L’aspettativa di vita di una donna italiana all’inizio del 900 era di 43 anni, oggi supera gli 84 anni. Utile, anche per migliorare l’umore,è godersi il meglio della nuova fase. Per comciare non si rischia più di rimanere incinta e si riduce l’uso dei contraccettivi; non si usano più gli assorbenti interni nè esterni; la menopausa è una questione ormonale che può arrivare a rendere intrattabili per un po’. Gioia di vivere, energia, vitalità, sembrano svanire al solo pronunciare il termine menopausa.

Tutta colpa degli ormoni, responsabili di numerosi processi fisiologici e destinati a descrescere proprio in questa fase dell’esistenza femminile. Estrogeni, progesterone, testosterone, cominciano a diminuire , irritabilità, caldane, secchezza vaginale, calo del desiderio, osteoporosi minacciano la vita di chi entra in menopausa. Cosa fare? Quando i sintomi diventano insopportabili iniziare la terapia ormonale sostitutiva (TOS) che, però, ha dimostrato un aumento di patologie quali ictus e tumore alla mammella. Secondo l’endocrinologa Marion Gluck, è possibile curare i sintomi della menopausa con gli ormoni bioidentici estratti da piante come la soia o l’igname che replicano gli ormoni naturali. Proprio per la loro versatilità possono essere scritti sin dall’inizio del processo quando si manifestano le prime avvisaglie. Risolvono, inoltre, disturbi quali la depressione rendendo inutile la prescrizione di farmaci per curarla. Infine, un occhio anche al cibo: mangiare magro, puro, verde è il miglior presupposto. Per smaltire i cibi gustati, fissare il calcio per prevenire l’osteporosi e mantenere il corpo agile : una perfetta passeggiata è sicuramente l’ideale.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche