Ferguson, nessuna incriminazione per l’agente che uccise Michael Brown COMMENTA  

Ferguson, nessuna incriminazione per l’agente che uccise Michael Brown COMMENTA  

9 Agosto 2014 a Ferguson. Ecco il quando e il dove. Chi: Michael Brown, 18 anni e afroamericano muore a seguito di un conflitto a fuoco con la polizia di Ferguson. Perché. Michael Brown era il sospettato principale di una rapina avvenuta poco prima. Non era in possesso di armi né tantomeno – come riveleranno le indagini – era in qualche modo collegato al furto. Il perché quindi non è ben chiaro.

Il poliziotto a sparare e uccide Michael Brown è Darren Wilson.
Dalle indagini svolta dalla polizia di Fersuson e dall’FBI, la dinamica della sparatoria è apparsa abbastanza confusa.

Sembra che Michael Brown (insieme a Dorian Johnson (22 anni)) sia stato invitato dall’agente di polizia a scendere dall’auto e a spostarsi sul marciapiede. Da lì uno scontro verbale. All’improvviso uno sparo dall’auto di Darren Wilson spinge i due ragazzi a darsi alla fuga. Sembra che proprio in questo frangente Darren Wilson abbia sparato colpendo alle spalle Michael Brown.


Da quel giorno, dopo le indagini, è iniziato un processo a carico di Darren Wilson per omicidio. Il gran Giuri’ (la giuria popolare) ha però stabilito che non ci sarà alcuna incriminazione in quanto le prove a carico di Darren Wilson sono insufficienti. Questa decisione ha provocato l’indignazione della popolazione che è scesa in piazza scatenando rivolte e sommosse.

L'articolo prosegue subito dopo


 

Leggi anche

About Enrica Marrelli 457 Articoli
Laureata in Teoria della Comunicazione e Comunicazione Pubblica presso l'Università della Calabria. Amo la lettura ma mi appassiona anche il grande e il piccolo schermo.
Contact: Facebook

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*