“Fermiamo il massacro delle donne”. Tutti in piazza contro la violenza sulle donne COMMENTA  

“Fermiamo il massacro delle donne”. Tutti in piazza contro la violenza sulle donne COMMENTA  

Cinquantaquattro donne morte in 4 mesi. Troppe. E’ ora di dire basta e di scendere in piazza per chiedere sicurezza per tutte le donne. È questo l’appello lanciato dal comitato di “Se non ora quando” all’indomani dall’ennesimo omicidio, anzi femminicidio. Troppe donne muoiono per mano del proprio compagno o ex fidanzato, troppe periscono sotto i colpi di un sentimento che non è amore ma possesso travestito da gelosia e passione. E ciò che non si deve più fare è proprio parlare di delitto passionale, di dramma della gelosia, di donne “uccise dal troppo amore”, tutte espressioni assolutamente errate.


Vanessa. E’ questo il nome di una delle ultime vittime, uccisa barbaramente dal suo ragazzo. Aveva soltanto 20 anni.

E’ per questo che nasce l’appello di “Snoq” al quale hanno aderito in tanti: dallo scrittore Saviano al  segretario della Cgil, Susanna Camusso, da Renata Polverini ad Anna Finocchiaro.


E proprio Saviano che su Twitter ha scritto il suo appello: “Una mattanza: 54 donne uccise dall`inizio dell`anno per mano di mariti, fidanzati, ex.

E’ ora di chiamare questa barbarie #femminicidio”

Leggi anche

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*