Dipendenti Ferrovie Sud-Est senza stipendio

Bari

Dipendenti Ferrovie Sud-Est senza stipendio

Dipendenti Ferrovie Sud-Est senza stipendio
Dipendenti Ferrovie Sud-Est senza stipendio

Ferrovie Sud-Est sono al verde e non riescono a pagare i dipendenti

I lavoratori minacciano interruzioni dei servizi

L’azienda delle Ferrvoie Sud-Est vive un momento di crisi finanziaria, con i suoi dipendenti che non hanno ancora percepito lo stipendio di ottobre e programmano scioperi.

I vertici aziendali attribuiscono questo ritardo alla mancata corresponsione della seconda tranche di finanziamento ministeriale per il trasporto pubblico locale, con la Regione, che non avrebbe quindi ancora ricevuto i soldi da distribuire alle società di trasporti pubblici locali. I dipendenti non si mostrano comunque fiduciosi, rispondendo che le altre aziende hanno comunque erogato gli stipendi anticipando i soldi, cosa che secondo loro non potrebbero fare le Ferrovie Sud-Est in quanto non vi sarebbero più ne liquidità di cassa ne fiducia delle banche.

In settimana i sindacati hanno scritto alla Regione Puglia e al ministero delle Infrastrutture, illustrando la problematica e preventivando la possibilità dello sciopero organizzato laddove le cose non vengano risolte in breve tempo.
L’assessore ai Trasporti, Gianni Giannini risponde che da Roma, la Regione, dovrebbero ricevere i 160 milioni della seconda tranche di finanziamenti ministeriali da distribuire, ma che vi è incertezza sui tempi, poichè non sono ancora stati stabiliti i criteri di riparto del fondo.

Si valuta comunque un provvedimento straordinario che potrebbe garantire un’anticipazione di moneta, una tantum, necessaria a tranquillizzare i lavoratori.

La situazione potrebbe essere definitivamente risolta il prossimo 5 novembre, nella conferenza Stato-Regioni.

2 Trackback & Pingback

  1. Dipendenti Ferrovie Sud-Est senza stipendio | Ultime Notizie Blog
  2. Dipendenti Ferrovie Sud-Est senza stipendio | Braincell

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche