Fertility Day: messaggio razzista su opuscolo

L'OPUSCOLO INCRIMINATO DI RAZZISMO.
L'OPUSCOLO INCRIMINATO DI RAZZISMO.

Il Fertility Day cade ancora nella bufera. L’immagine della nuova campagna di prevenzione mostra una foto con un presunto richiamo razzista.

La nuova campagna del Fertility Day non è piaciuta all’opinione pubblica perchè uno degli otto opuscoli presenta un presunto messaggio razzista. L’opuscolo dedicato agli stili di vita è diviso in due immagini: nelle buone abitudini ci sono dei ragazzi bianchi e sorridenti, mentre nell’immagine sulle cattive abitudini ci sono dei “cattivi compagni”, ovvero dei ragazzi di colore con i capelli rasta.

Leggi anche: Fertility Day, il ministro Lorenzin contestato dalla folla: ‘Si dimetta’


Il Ministro Beatrice Lorenzin dopo le polemiche ha annunciato di aver fatto ritirare l’opuscolo incriminato e aperto un’inchiesta per chiarire l’accaduto, soprattutto perchè l’immagine che si vede nel sito del Ministero è completamente diversa da quella stampata sull’opuscolo.


Il fatto ha comunque scatenato le ironie del web come: “Qualcuno ha deciso di sabotare il ministero della salute. La contrapposizione tra coppie da spot del dentifricio (a colori) e nero con drogate (virati seppia) per contrapporre gli stili di vita è da tribunale di Norimberga della pubblicità regresso”.

Il giornalista Enrico Mentana ha commentato: “Il razzismo è negli occhi di chi guarda, noi pensiamo alla prevenzione”.

Nel frattempo per le città italiane sono state organizzate manifestazioni dal titolo: “Fertility Fake” e la Sinistra Italiana ha presentato una mozione di censura sul Fertility Day e le richieste di dimissioni del Ministro Lorenzin da parte del Movimento 5 Stelle.


 

Leggi anche

referendum-costituzionale
News

Referendum costituzionale, decisa la data: sarà il 4 dicembre

Il Consiglio dei Ministri di ieri pomeriggio ha stabilito la data del referendum costituzionale: sarà il prossimo 4 dicembre. Per il referendum costituzionale si voterà il prossimo 4 dicembre, domenica, fra le 7 del mattino e le 11 di sera. L'annuncio è arrivato ieri al termine del Consiglio dei Ministri, con tanto di chiarimento che "non c'è un motivo particolare" alla base della scelta della data. "In ogni caso", ha aggiunto il sottosegretario Claudio De Vincenti, "ci sembra che da qui al 4 dicembre ci sia il tempo per sviluppare e approfondire un confronto tra i cittadini sui contenuti della riforma [...]

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*