Fertility Day, il ministro Lorenzin contestato dalla folla: ‘Si dimetta’ COMMENTA  

Fertility Day, il ministro Lorenzin contestato dalla folla: ‘Si dimetta’ COMMENTA  

Fertility Day

Contestata la ministra Lorenzin da un centinaio di rappresentanti di varie sigle e organizzazioni per l’iniziativa del Fertility Day.

Il Fertility Day proclamato dal governo fa ancora discutere i cittadini italiani e divide l’opinione pubblica. In queste ore sono in corso alcune tavole rotonde volute dal ministro Beatrice Lorenzin. In Via Alibert, dove è in corso una delle tavole rotonde organizzate, si sta svolgendo una manifestazione dove hanno preso parte un centinaio di persone che hanno chiesto al ministro della Salute le immediate dimissioni.


Per i contestatori sono altre le priorità rispetto al Fertility Day. I gruppi che contestano il ministro si sono ‘armati’ di cuscini per dire di essere ancora in attesa di norme che regolano il welfare, il diritto allo studio, l’ambiente e le adozioni per le coppie omosessuali.
I manifestanti hanno chiesto a gran voce di essere ricevuti dalla Lorenzin per un confronto in merito. I gruppi di contestatori hanno organizzato la manifestazione mediante il web e i social network. Ad aderire alla protesta la Cgil, l’Arci, Act, Rete della conoscenza, Unite in rete e altre organizzazioni che hanno a cuore i diritti delle donne e del lavoro.


Intervistata sulla contestazione in atto, la ministra della Salute ha posto l’accento sulla protesta ‘strumentale’ organizzata da chi vuole politicizzare i diritti civili: ‘C’è un sacco di gente che ambisce a diventare il ministro della Salute, ma io intanto mi occupo di cose vere.

Nel Fertility Day parliamo di salute’.

Leggi anche

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*