Fiamme a Napoli, brucia la Città della Scienza

Cronaca

Fiamme a Napoli, brucia la Città della Scienza

Tragedia della cultura a Napoli. La Città della scienza, museo interattivo e polo culturale di punta della città, è andato completamente distrutto in un incendio di enormi proporzioni scatenatosi poche ore fa. Da ore una colonna di fumo si alzare dal rogo, ben visibile anche in lontananza mentre decine di vigili del fuoco lavorano senza sosta nel tentativo di spegnere le fiamme. Del museo non è rimasto altro che i muri perimetrali e solo uno dei numerosi padiglioni che componevano lo ‘science center’.

Una situazione drammatica le cui cause sono ancora tutte da chiarire e al momento nessuna ipotesi è stata scartata, nemmeno quella dolosa. Secondo alcuni testimoni l’incendio si è esteso in pochi minuti a tutto l’edificio, complice la presenza di legno ed altri materiali infiammabili che hanno alimentato le fiamme. Fortunatamente, grazie alla chiusura settimanale del lunedì, all’interno della struttura non c’erano persone e l’allarme è stato dato dal custode ma pochi minuti dopo le fiamme erano già indomabili.

Il gioiello culturale di Napoli, sorto nel 2001 nell’incantevole scenario di Bagnoli, il quartiere ex industriale che, conclusa l’era dell’acciaio e dell’Italsider e in grado di richiamare una media di 350 mila visitatori l’anno.

Sul posto sono giunte anche numerose pattuglie delle forze dell’ordine che hanno chiuso al traffico via Coroglio, di fronte al mare di Bagnoli. Nella Città della scienza lavoravano 160 persone, il cui futuro è ora incerto. Lo scenario è devastante: le fiamme hanno divorato un’area di circa 12 mila metri quadrati, risparmiando solo il ‘teatro delle Nuvole’. Fortunatamente il fumo non ha raggiunto le case di Bagnoli, sospinto dal vento verso il mare.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche

Loading...