Fifa in mano alla task force, via alle riforme - Notizie.it

Fifa in mano alla task force, via alle riforme

Calcio

Fifa in mano alla task force, via alle riforme

“Ci sarà un nuovo presidente e sarà eletto il 26 febbraio per cui chi vorrà candidarsi dovrà farlo entro il 26 ottobre”.
Con queste parole inizia la nuova vita della Fifa, l’associazione calcistica mondiale che, negli scorsi mesi, è stata travolta da uno scandalo senza precedenti, di dimensioni incontrollabili, il cui risultato finale sembra davvero essere la definitiva uscita di scena del potentissimo Sepp Blatter.
Il virgolettato è suo, è stato lui in prima persona a dare tempi e modi del futuro.
Nel frattempo, e in teoria già da ora, la Fifa dovrebbe passare ad un regime molto simile all’amministrazione controllata, con Blatter presidente onorario e una task force di 10 membri, di cui 2 dall’Europa, 2 dall’Asia, 2 dalle Americhe del nord e centrale, 2 dall’Africa, 1 dal Sudamerica e 1 dall’Oceania, guidata da un presidente.
L’importanza che si riconosce alla figura del presidente in questo transitorio è tale che uno dei nomi fatti è quello di Kofi Annan, ma l’ipotesi non sembra davvero credibile.
Il compito della task force dovrebbe essere quello di proporre le riforme da votare al congresso in programma il 24 e 25 settembre prossimi, spalancando le porte alla successione vera e propria:
– Trovare una data per le elezioni del nuovo presidente
– Rendere pubblici i salari dell’esecutivo
– Stabilire un limite temporale per ogni carica dell’esecutivo.

A partire dal presidente Fifa che non potrebbe più superare i tre mandati da 4 anni l’uno.
– Obbligare i membri Fifa a rispondere a un test di integrità, una patente di trasparenza controllata e aggiornata dalla commissione etica
– Affidare l’elezione dell’esecutivo ai 209 membri del congresso e non ai capi Confederazione come succede ora
– Diminuire il numero dei membri dell’esecutivo.
Se sarà davvero così lo si vedrà a breve, perché da qui al 24 settembre il tempo è davvero poco.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche