Filippine, lotta alla droga: 1800 persone uccise in 2 mesi
Filippine, lotta alla droga: 1800 persone uccise in 2 mesi
Esteri

Filippine, lotta alla droga: 1800 persone uccise in 2 mesi

filippine rodrigo duterte

Le Filippine diventano un campo di battaglia con 1800 morti nel mondo dei trafficanti di droga. E’ la guerra voluta dal governo del presidente Duterte.

Le Filippine e la nuova lotta al mondo della droga. Secondo quando ha riportato l’agenzia di stampa Ansa, sarebbero quasi 1800 le persone rimaste uccise negli ultimi due mesi nell’ambito della lotta alla droga voluta dal governo delle Filippine.

Dall’inizio di luglio allo scorso 21 agosto, infatti, nel corso di operazioni ufficiali da parte delle forze dell’ordine sarebbero stati uccisi 712 sospetti trafficanti di droga. Ma i morti sono molti di più: per i rimanenti 1067 le autorità hanno indicato i responsabili in esponenti di gruppi armati di vario genere. A dirlo è stato il capo della polizia Ronald Dela Rosa.

La guerra alla droga è stata voluta e promossa dal presidente delle Filippine, Rodrigo Duterte. Al momento, è attiva una commissione parlamentare che indaga su tutti i casi di omicidi extragiudiziali.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche