Filippo Facci, Manuela Villa e Patrizia De Blanck: lite a Domenica Live - Notizie.it

Filippo Facci, Manuela Villa e Patrizia De Blanck: lite a Domenica Live

Gossip e TV

Filippo Facci, Manuela Villa e Patrizia De Blanck: lite a Domenica Live

scontro domenica live
scontro domenica live

Domenica Live: lite tra il giornalista Filippo Facci, la cantante Manuela Villa e la contessa De Blanck durante una discussione sull’eredità dei famosi.

Domenica pomeriggio nel corso della puntata della popolare trasmissione condotta da Barbara D’Urso, Domenica Live, si è verificato un brutale scontro tra il giornalista Filippo Facci, la celebre cantante Manuela Villa e la contessa Patrizia De Blanck. Tutti e tre erano coinvolti nella parte del programma dedicata all’eredità dei personaggi famosi. L’acceso dibattito sulle tanto discusse eredità ha trascinato i tre ospiti a un terribile scontro nel quale sono volati anche degli insulti alquanto pesanti.

L’accaduto

La cantante Manuela Villa ha voluto mettere in evidenza il fatto di essersi sempre battuta per riuscire ad ottenere il cognome del padre e mettere in chiaro la realtà dei fatti lasciando in secondo piano il fattore economico, puntualizzando inoltre che la sua eredità più grande l’ha ricevuta nel momento in cui è stata messa al mondo ed è la voce.

Ad un certo punto il giornalista Facci ha cominciato a dare contro alla cantante accusandola di trattare questo genere di argomenti in abiti poco seri affermando di essere vestita di Carnevale per parlare di persone che non ci sono più.

Le parole del giornalista hanno fatto scattare anche la De Blanck che ha contribuito ad accendere la lite difendendo la cantante. “A parlar di morti non si viene vestite così, va al diavolo“, “fatti un pò i ca… tuoi” afferma Facci rivolgendosi alla contessa.

Manuela Villa cerca di smorzare i toni dicendo di essere fiera di suo padre e di quello che ha fatto diffondendo la sua musica in tutto il mondo.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche