Film di Dario Fo come regista COMMENTA  

Film di Dario Fo come regista COMMENTA  

DARIO FO.
DARIO FO.

Quali sono i film più importanti del grande attore Dario Fo? Ripercorriamo insieme la sua carriera e i suoi film più belli attraverso questo articolo.

Dario Fo nasce il 24 marzo 1926 a Sangiano (VA) da una famiglia antifascista composta da madre contadina e padre ferroviere. Appena maggiorenne si trasferisce a Milano per studiare all’Accademia delle Belle Arti di Brera e successivamente Architettura al Politecnico che però lascerà.


Il successo arriva nel 1952 quando inizia a lavorare alla radio della Rai per le trasmissioni del “Poer Nano“. In questa trasmissione Dario Fo recita monologhi che verranno presentato al Teatro Odeon di Milano. Nel 1953 nasce “Il dito dell’occhio” dalla collaborazione con Giustino Durano e Franco Parenti.


I testi di Dario Fo sono ricchi di satira politica e sociale, tanto che nel 1954 viene censurata l’opera teatrale “Sani da legare” e dal 1959 nasce la compagnia di Fo assieme alla moglie Franca Rame.


Nel 1959 nasce il figlio di Dario Fo e Franca Rame Jacopo e in quello stesso anno Fo si dà al cinema, interpretando il film “Lo Svitato” di Carlo Lizzani. L’anno dopo “Comica Finale” e “Ladri, manichini e donne nude“.

Gli anni ’70 sono quelli che danno vita alle opere più famose di Dario Fo. “Mistero Buffo” è l’opera della stagione teatrale 1969-1970 che si rifà alla cultura popolare medioevale e al dialetto padano. In quest’opera Dario Fo darà il via alla lingua di sua creazione chiamata “Grammelot“.

Negli anni ’80 Dario Fo torna in TV e nel 1997 in riconoscimento alle opere di cultura medioevale presentate a teatro, riceve il Premio Nobel per la Letteratura.

L'articolo prosegue subito dopo


Nel maggio del 2013 muore la moglie Franca Rame e Dario Fo inizia a dedicarsi alla pittura e a dedicarsi alla politica sostenendo il Partito del Movimento 5 Stelle di Beppe Grillo fino alla sua morte all’età di 90 anni avvenuta il 13 ottobre 2016. I funerali di Dario Fo sono stati laici sul sagrato del Duomo di Milano.

 

 

Leggi anche

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*