Film d’essai: Il Pianeta Selvaggio

Cinema

Film d’essai: Il Pianeta Selvaggio

Nel 1973, René Laloux ha diretto un grande capovoloro del cinema d’animazione: Il Pianeta Selvaggio, che ha vinto il Premio speciale al XXVI° Festival di Cannes. Il film è stato sceneggiato e scenografato da Roland Topor, il creatore delle malefiche lumache nel cortometraggio Les escargots. In questa pellicola dà il meglio di sé, creando l’immaginario mondo del pianeta Ygam, popolato dai giganteschi e tirannici Draags che trattano gli uomini (Oms, nel film) come animali domestici. La storia è incentrata su Terr, un uomo domestico accudito alla nascita dalla giovane Tiwa. Il ragazzo scopre il segreto della conoscenza dei Draags: una specie di cuffia elettronica invia messaggi telepatici captati da chi la indossa. Una volta fuggito, Terr ne porta con sé una a un gruppo di Oms selvaggi, non dominati dai Draags. Per fuggire ai continui stermini, scappano in una vecchia base missilistica in disuso, dove, grazie alle nuove conoscenze acquisite, riusciranno a costruire un razzo. Atterreranno sul Pianeta Selvaggio, su cui risiede un importante segreto…

Il Pianeta Selvaggio è stato anche citato nel film The Cell – La cellula, quando Jennifer Lopez – Catherine si sta concedendo un meritato riposo. Peccato che appena addormentata ottenga un incubo.

Vanessa Zavanella

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche

Loading...