Film in concorso Torino Film Festival 2014

Cinema

Film in concorso Torino Film Festival 2014

30956823

Sono ben 197 i film presentati alla 32^ rassegna del film festival di Torino che, anche quest’anno, conferma l’intento di promuovere il cinema dei giovani talenti, attraverso un programma ricco di opere inedite e davvero interessanti Questi sono i film in concorso:

ANUNCIAN SISMOS di Rocío Caliri e Melina Marcow (Argentina)
AS YOU WERE di Jiekai Liao (Singapore)
BIG SIGNIFICANT THINGS di Bryan Reisberg (USA)
FELIX & MEIRA di Maxime Giroux (Canada)
FOR SOME INEXPLICABLE REASON di Gábor Reisz (Ungheria)
FRASTUONO di Davide Maldi (Italia)
GENTLEMEN di Mikael Marcimain (Svezia)
MANGE TES MORTS di Jean-Charles Hue (Francia)
MERCURIALES di Virgil Vernier (Francia)
N-CAPACE di Eleonora Danco (Italia)
THE BABADOOK di Jennifer Kent (Australia)
THE DUKE OF BURGUNDY di Peter Strickland (UK)
WIR WAREN KÖNIGE / THE KINGS SURRENDER di Philipp Leinemann (Germania)
VIOLET di Bas Devos (Belgio/Olanda)
WHAT WE DO IN THE SHADOWS di Jemaine Clement e Taika Waititi (Nuova Zelanda)

Fra tutti i titoli ve ne consiglio alcuni che val la pena di vedere:

Gemma Bovary È il film d’apertura del festival, di Anne Fontaine, regista francese che racconta le disavventure sentimentali di una giovane donna, Gemma, interpretata dalla bella Gemma Arterton.

Commedia dedicata alle donne che fa pensare offrendo spunti interessanti

Violet di Bas Devos.film particolare, opprimente e claustrofobico, che utilizza primi piani e dettagli, con una fotografia unica. L ‘elaborazione del lutto, spiegato senza parole ma con profondi silenzi e immagini uniche, che regalano grandi emozioni

Magic in the moonlight di Woody Allen, sarà presto al cinema questa commedia romantica ambientata in Francia, ma potete vederlo in anteprima al festival. Che dire? Io non faccio testo; amo lo stile geniale di Woody Allen e ve lo consiglio. Protagonisti:Colin Firth ed Emma Stone.

The Babadook, dell’australiana Jennifer Kant, una favola nera che fa da sfondo all’intricato rapporto di una madre con il figlio seienne, e un libro maledetto. Un horror ben apprezzato dagli amanti del genere

In ultimo, non perdetevi la versione restaurata di Profondo Rosso di Dario Argento, un vero cult del genere horror e, Giovedì 27 novembre alle ore 19.45, presso il Cinema Massimo (sala 2) verrà consegnato a Bruno Bozzetto il Premio Prolo e in omaggio a questo grande artista verranno riproposto alcuni dei suoi famosi suoi cortometraggi.

Buona visione

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche