Film sulla vita di Amy Winehouse

Musica

Film sulla vita di Amy Winehouse

Che molte persone campino con la morte di qualcun altro è una cosa ormai nota e certa. Basta guardare un telegiornale o un quotidiano d’informazione per rendersi conto che la tragedia fa molta più notizia della felicità. Colpa nostra che diamo troppo risalto a un evento dolente, ma anche di chi le notizie ce le propone con la ormai famigerata strategia del dolore. Si piange tutte le volte che un mezzo d’informazione passa la notizia di una morte celebre, ma si resta indifferenti, che so, alla continua e stratificata fine di persone che dal terzo mondo non hanno neanche una radio per ascoltare e arrabbiarsi per l’indifferenza verso il loro dramma. Passando alla musica, continua la sviscerazione incontrastata della morte per abuso di alcol di Amy Winehouse, avvenuta a Londra lo scorso 23 luglio. Una notizia che ha tolto il fiato anche a chi in fondo se lo aspettava, dopo quella sbiascicante e traballata apparizione a Sarajevo, e non voleva pensare che la voce più soul del duemila se ne potesse andare.

E così è stato. E’ seguito un rincorrersi di notizie riguardanti un album postumo, ‘Lioness: Hidden Treasures’ uscito da poco, un film biografico e una trafila d’indiscrezioni che hanno alzato un polverone intorno alla tragedia, invece che con tristezza cercare di spingerla nel riposo eterno. Il padre Mitch Winehouse si è messo in moto subito per i vari progetti, per carità dicendosi afflitto e spinto da una giunta causa, ma, per fare un esempio, il film sui Doors è uscito a vent’anni dalla morte di Jim Morrison e trasversalmente ha continuato ad aumentare il mito. E’ giusto chiedersi se non si stia cavalcando ancora la scia di quella notizia tragica che ha girato i mezzi d’informazioni di tutto il mondo? Se si pensa poi che la parte di Amy dovrebbe andare a Lady Gaga, popstar in cima al gradimento del pubblico mondiale, e che il regista non sarà l’ultimo fidanzato Reg Davis che si è detto ancora troppo distrutto per affrontare un progetto del genere, viene spontaneo riflettere di più.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche

Andrea Paolucci 2641 Articoli
Andrea Paolucci è l'autore di WUH! - Gorilla Sapiens Edizioni http://www.gorillasapiensedizioni.com/libri/wuh
Contact: