Che fine ha fatto Uan pupazzo Bim Bum Bam

Gossip e TV

Che fine ha fatto Uan pupazzo Bim Bum Bam

Che fine ha fatto Uan pupazzo Bim Bum Bam
Che fine ha fatto Uan pupazzo Bim Bum Bam

Da ormai molto tempo non se ne sente più parlare, ma ha animato per anni i pomeriggi dei ragazzi. Che fine ha fatto Uan, il pupazzo di Bim Bum Bam?

Non è stato soltanto un pupazzo. È stato una vera e propria mascotte dello show televisivo Bim Bum Bam e del canale Italia 1. Ha affiancato tutti i conduttori del programma simbolo di una generazione. Che fine ha fatto Uan? Se lo stanno chiedendo in molti, soprattutto i più nostalgici che vorrebbero il ritorno di trasmissioni simili, capaci di far divertire con leggerezza e semplicità.

Il tanto amato pupazzo rosa, dal ciuffo fucsia e del carattere allegro e spiritoso, è comparso per la prima volta nell’edizione del programma del 1983. Per vent’anni ha calcato la scena dell’intrattenimento per ragazzi, alternando gag comiche insieme ai conduttori. Inscenando situazioni sempre nuove ma riconoscibili, come la sua sbattitìte, che gli faceva sbattere le uova fino a ricoprire lo studio di uova montate a neve, il pupazzo riusciva ad intrattenere migliaia di ragazzi davanti allo schermo.

Giancarlo Muratori gli ha dato la voce fino al 1995, sostituito da Pietro Ubaldi, storica voce di numerosi cartoni animati.

Un possibile ritorno?

Dalla chiusura del programma, nel 2002, la scapestrata e monella mascotte è uscita di scena. Ma in molti si sono domandati di come possa essere finita l’era di un pupazzo simbolo di un programma e di un canale. Che fine ha fatto Uan? La sua ultima apparizione televisiva risale al 2010, nella trasmissione di varietà Matricole & Meteore di Italia 1. Da quel momento ha avuto una sola altra apparizione per lo spot dedicato alla Bim Bum Bam compilation.

Sebbene non ci siano notizie certe, non è escluso che Uan possa tornare. Non possiamo che aspettare un ritorno dell’amato pupazzo che con il suo spirito spensierato, allegro e un po’ birichino ha accompagnato tutti i bambini della generazione anni ’80 e ’90.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche