Fini e Berlusconi nuovamente insieme per il semipresidenzialismo

Politica

Fini e Berlusconi nuovamente insieme per il semipresidenzialismo

Berlusconi potrebbe ricevere aiuto e sostegno da chi non si aspettava. Gianfranco Fini, presidente della Camera, cacciato dal PDL proprio dal compare di tante merende, pardon, battaglie, ha detto ai suoi di sostenere l’emendamento del semipresidenzialismo. L’ex miessino, abbandonato da Casini, fallito il mai nato Terzo Polo, vede il 2013 avvicinarsi e con esso le nuove elezioni. La priorità è non restare fuori dal Parlamento e, essendo impensabile una virata a sinistra, non resta che ricucire gli strappi. Dopotutto la Lega, almeno per ora, non è intenzionata a dialogare con il PDL. Dal canto suo il partito di Berlusconi ha bisogno di nuove forze ma, il solo Casini potrebbe non bastare. Fini mette le mani avanti e dice: Qualcuno strumentalizzerà il sostegno al Pdl sulle riforme, ma quella sul semipresidenzialismo è una proposta che io faccio da 20 anni, dunque non vedo perché non sostenerla”. Non si tratta di strumentalizzare ma di fare due conti e, questi, sono in rosso sia per FLI che per il PDL. Fini avrà modo di smentirci nel 2013, come si dice, il tempo è galantuomo.

Vincenzo Borriello

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche

Loading...