E’ finita per nonno Libero? le dichiarazioni di Lino Banfi COMMENTA  

E’ finita per nonno Libero? le dichiarazioni di Lino Banfi COMMENTA  

Le vicende della famiglia Martini proseguono senza pause da 10 stagioni, l’attore protagonista della serie, Lino Banfi, fa delle dichiarazioni importanti sul suo personaggio

Grandissima attesa per la prima puntata della nuova serie della soap Un Medico in Famiglia, che quest’anno soffierà ben 10 candeline.

Leggi anche: Tutti i tipi di Manga

Gli intrecci della famiglia Martini continuano e molti nuovi personaggi entreranno nella vita dei personaggi di sempre. Lino Banfi però, che nella soap interpreta Nonno Libero, protagonista indiscusso della serie, ha svelato alcune indiscrezioni sul suo personaggio.

Leggi anche: Caduta in diretta: incidente per la giornalista Cristina Fantoni

Ha raccontato infatti che è consapevole che la sua età avanza e che è pronto a fare i conti con con le normali conseguenze della vita, per questo non assicura una lunga permanenza di Nonno Libero nella casa più amata dagli italiani.

L’attore ha spiegato anche che gli hanno chiesto diverse volte di girare proprio la scena del suo funerale, per tenersi pronti ad ogni eventualità : “mi dicono sempre “cominciate una serie con i funerali di nonno Libero e fate l’80% di share, tanto che vi frega?”.

L'articolo prosegue subito dopo

Ma tanto nonno Libero prima o poi morirà, quindi io non posso assicurare che farò tante serie ancora”.
Il cast che è stato riconfermato anche in questa edizione sarà composto, oltre che da Lino Banfi, dagli attori Paolo Sassanelli, Flavio Parenti e le attrici Milena Vukotica, Eleonora Cadeddu, Valentina Corti e Rosanna Banfi. Le entusiasmanti new entry invece  saranno Stefano Dionisi, Leonardo Santini, Chiara Centioni e Lorenzo De Angeli.

Leggi anche

Boiler
TV

Chi sono i Boiler, trio comico di Zelig 2016

Alla scoperta di Federico Basso, Gianni Cinelli e Davide Paniate, da sei anni trio comico di punta di Zelig, meglio conosciuti come i Boiler. L'apice della gloria lo conobbero nel febbraio del 2015, allorché, convocati dal sagace Carlo Conti al santuario del Festival di Sanremo, con le loro deliranti "conferenze stampa" - uno dei pezzi forti del loro repertorio, in cui interpretano improbabili giornalisti di testate tematiche - ebbero l'onore e la responsabilità di rappresentare la comicità più irregolare e spiazzante delle serate festivaliere, quella "fuori pentagramma", che ridefiniva in chiave di dissacrazione la liturgia dell'evento musicale. Intuizione vincente di Leggi tutto

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*