Finmeccanica tra armi, politica e tangenti COMMENTA  

Finmeccanica tra armi, politica e tangenti COMMENTA  

Finmeccanica è uno dei pilastri economici e politici made in Italy: il gruppo vanta 700mila dipendenti sparsi in tutto il mondo ed un giro d’affari sostanzioso, basato essenzialmente sulla produzione e vendita di armi, da cui solo nello scorso anno, ha ricavato 17 miliardi di euro.

Leggi anche: Champions League: Roma qualificata tra i fischi


Ebbene queste cifre sono in leggero ribasso rispetto agli obiettivi dell’azienda e di conseguenza centinaia di lavoratori di Alenia spazio (società di Finmeccanica) rischiano il posto di lavoro; solo essi badate bene, perchè i vertici rimangono saldamente ancorati alle loro poltrone salvo destituzioni forzate per “motivi legali”.

La rassegna di nomi eccellenti , tra politici e manager, coinvolti in affari lucrosi di dubbia origine, sempre legata al traffico delle armi, è piuttosto alta: indagato l’ex manager Guarguaglini, arrestato il manager Pozzessere, indagato l’ex ministro Scajola, i leghisti Gallie Gietti, ombre su La Russa e Castelli, Letta e Giovanardi.

Leggi anche: Giubileo della Misericordia: il Papa apre la Porta di San Giovanni in Laterano


Attualmente Finmeccanica è guidata da Giuseppe Orsi, amico di Maroni, che per non essere da meno, è stato indagato per la vendita di armi in India.

Il sistema appare dunque consolidato e appare sempre più chiara la linea militarista/ speculativa alla base di tutto.

A riprova di ciò basta riflettere sul fatto che per i politici, la partecipazione in consigli d’amministrazione e le intermediazioni commerciali a pagamento, lecito o illecito ( come nel caso delle tangenti) è fonte di cospicue entrate.  Il fatto che la guerra provochi eventi luttuosi tra innocenti per loro è dunque secondario

Leggi anche

senzatetto-riconosciuta-a-roma
Roma

Giovane senzatetto avvistata a Roma non è Maddie McCann

Se n'è parlato tutto il giorno e poche ore fa finalmente il mistero è stato risolto. Il padre della giovane senzatetto che per molti assomigliava a Madeleine McCann, la bimba scomparsa in Portogallo nel 2007, ha riconosciuto la giovane; ma la sua identità non è quella di Madeleine: si tratta di Embla Jauhojärvi, una ragazza svedese di 21 anni che il padre ha spiegato soffrire della sindrome di Asperger. La giovane è stata fermata tra le strade del cento storico di Roma da diversi giornalisti, dopo che si era sparsa la voce della sua somiglianza con la bambina scomparsa nel Leggi tutto

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*