Boom a Firenze per le richieste di iscrizione all’ istituto agrario, all’istituto tecnico e professionale. Le strutture inaugurano nuove aule e si stanno organizzando per assecondare la crescita delle domande.

Un esplosione di richieste di iscrizione quella per gli istituti agrario, tentino e professionale di Firenze. Una raffica di domande a cui adesso gli istituti dovranno far fronte.

Le strutture delle due scuole si sono già messe all’opera e cercano di adeguarsi alle numerosa crescita degli studenti. Infatti stanno provvedendo all’inaugurazione di nuove aule, inaugurazione che sarà alla presenza del sindaco dario Nardella.

Tra gli interventi previsti, già sono stati realizzati i rinnovi per gli impianti elettrici e di riscaldamento, ma gli inerenti prevedono un piano più ampio, piano che ha annunciato il sindaco Nardella.

“Pensiamo ad esempio al piano che abbiamo presentato proprio oggi all’Ismea, la banca pubblica dell’agricoltura” ha detto Nardella, “un piano da quattro milioni di euro che prevede l’ampliamento delle strutture didattiche, il restauro delle serre monumentali e la costruzione di una palestra che manca in questa scuola”. Il sindaco si impegna personalmente anche per riuscire a fronteggiare la necessità di una linea internet veloce.

Ciò che ha spinto la clamorosa crescita delle domande negli istituti è stato il report sui dati di occupazione: infatti, quasi tutti i diplomati all’istituto professionale, negli ultimi due anni, hanno poi trovato lavoro senza difficoltà nel settore agroalimentare, come ha raccontato il preside Ugo Virdia: “L’elemento più interessante del dato che abbiamo è che i ragazzi diplomati trovano lavoro nel settore, c’è una congruenza forte tra domanda e offerta”.

Un settore in cresciate che non è intaccato dalla crisi, anzi, è in evoluzione necessita di nuove leve. Un settore in ampliamento che ha contribuito quindi alla scelta decisiva dei giovani in fase di iscrizione alle scuole e che ha innescato una reazione a catena che ha provocato il boom di scelte verso una direzione. Del resto l’obbiettivo è trovare un lavoro e avere la certezza di ottenere maggiori possibilità scegliendo un determinato settore aiuta nella scelta.