Firenze, processi per concorsi truccati COMMENTA  

Firenze, processi per concorsi truccati COMMENTA  

Come si apprende da La Repubblica Firenze.it, parti del maxiprocesso avviato dalla procura di Bari nel 2002 sui concorsi truccati per Cardiologia saranno spostate a Firenze: in particolare sarà trasferito nel capoluogo toscano il procedimento nei confronti del Preside della Facoltà di Medicina e Chirurgia dell’Università degli Studi di Firenze Gianfranco Gensini, accusato di falso in atto pubblico e corruzione riguardo ad un concorso dal quale è uscito vincitore il suo collaboratore Luigi Padeletti.

Leggi anche: Neolaureati e il lavoro. Il 90% trova lavoro nei primi 5 anni


Il maxiprocesso del 2002 viene diviso adesso in procedimenti minori a seconda della competenza territoriale per i vari imputati, dipendente dalla sede di svolgimento dei concorsi: processi saranno avviati dunque a Pisa, Brescia e Palermo, oltre che a Firenze, dopo le decisioni dei pm baresi Emanuele De Maria e Ciro Angelillis.


Secondo questi ultimi i promotori della “cupola” avrebbero guidato diversi concorsi per Cardiologia in tutta Italia fino al 2002, controllando che le commissioni giudicatrici fossero capeggiate da medici “amici”.

 

Leggi anche

Come ridurre danni da fuochi d'artificio
Cultura

Come ridurre danni da fuochi d’artificio

I fuochi d'artificio fanno parte dell'arte pirotecnica. Questi sono l'ultimo, e più gradito, spettacolo in tutte le feste. I fuochi d'artificio sono stati creati in Cina nell'ottavo secolo. Essi venivano usati, fino all'ottocento, solo nelle feste dei nobili e nelle cerimonie militari. Oggi questi vengono usati per salutare l'anno nuovo. Nella festa di fine anno utilizzo di fuochi d'artificio può portare a provocare danni alle persone, agli animali e possono portare a creare principi d'incendio. Infatti, dentro ad essi si trovano tre componenti: il combustibile; il comburente, che sono materiali che contengono ossigeno; additivi per gli effetti pirotecnici. Questi tre Leggi tutto

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*