Fisco Europa: Google, Apple, Facebook e Amazon nel mirino

Attualità

Fisco Europa: Google, Apple, Facebook e Amazon nel mirino

AMAZON, APPLE, GOOGLE E FACEBOOK NEL MIRINO DELL’AGENZIA DELLE ENTRATE – Il fisco italiano ha aperto un fascicolo sulle attività del gigante dell’e-commerce Amazon mentre è stato da tempo già definito un accordo tra Google Italia e l’Agenzia delle Entrate per chiudere il contenzioso su un importo evaso che ammonterebbe a quasi un miliardo di euro.
Sono ormai diventati un vero e proprio leit motiv i contenziosi tributari nell’era di internet, con protagonisti colossi della web economy. In passato era già stato definito l’accordo tra l’Agenzia delle Entrate e Apple Italia, che ha versato nelle casse dello Stato 318 milioni di euro nell’ambito di un procedimento relativo ad una presunta evasione fiscale che ammonta a circa 879 milioni di euro.

Accordi che hanno fatto gioire la Procura di Milano, e che rappresentano di fatto un precedente internazionale “aprendo la strada per la regolarizzazione dei rapporti tra l’Italia e le multinazionali” del settore.

Si tratta di un modello di intesa che potrebbe rappresentare l’apripista della web tax relativa all’omologazione delle regole comunitarie sul trattamento fiscale per contrastare il fenomeno dell’esterovestizione.

L’intesa raggiunta da Apple con il fisco italiano ha di faatto aperto la strada alla soluzione delle vertenze relative ad altri colossi del web come Amazon, Google e Western Digital, finite sotto la lente d’ingrandimento del pool Criminalità economica della Procura di Milano, con le indagini coordinate dal procuratore Francesco Greco, competente in quanto le filiali italiane di numerose multinazionali hanno sede legale nel capoluogo lombardo.

Anche sulle attività del gigante dell’e-commerce Amazon è stato aperto un fascicolo d’inchiesta, mentre sta per essere raggiunto l’accordo tra Google Italia e l’Agenzia delle Entrate per chiudere il contenzioso su una presunta evasione fiscale che ammonta a quasi un miliardo di euro da parte delle multinazionale californiana, realizzata sulla falsariga dello schema già precedentemente seguito per Apple.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche

Loading...