Fitch declassa Italia, da A- a BBB+ COMMENTA  

Fitch declassa Italia, da A- a BBB+ COMMENTA  

L’Italia diventa un Paese di serie B. Dopo Standard & Poor’s e Moody’s anche Fitch ha tagliato il rating del Belpaese, spostandolo a BBB+ da A+ con outlook negativo. Un declassamento che riflette, secondo quanto spiegato dall’agenzia di rating, l’includente risultato delle ultime elezioni, che rendono difficile la formazione di un governo stabile. I “dati del quarto trimestre 2012, sottolinea Fitch, confermano che l’Italia sta vivendo una delle più profonde recessioni a livello europeo, con l’elevato rischio che si protragga più del previsto. Secondo Fitch la contrazione prevista del pil nel 2013 sarà dell’1,8% e il debito si attesterà vicino al 130%, ben oltre il 125% stimato a metà 2012.

Leggi anche: Statale, Ondanomala colpisce ancora


La recessione “mette a rischio lo sforzo di risanamento di bilancio e aumenta i rischi del settore finanziario”. E’ difficile che nuovi sviluppi possano portare ad un upgrade.

Leggi anche: Al Teatro dell’Arte “Un giorno Felice”, anteprima della Rassegna Abbondanza e Bertoni

“Sviluppi che potrebbero portare a una revisione dell’outlook a stabile includono: una sostenuta ripresa economica che sostenga l’attuale risanamento in atto” e “ulteriori riforme strutturali che rafforzino la competitività e il potenziale di crescita”, ha spiegato Fitch in una nota.

Leggi anche

opec
Economia

Ecco cosa dice il nuovo accordo dell’OPEC

Dopo 8 anni l’OPEC ha trovato un accordo per la riduzione della produzione di petrolio: circa 1,2 mln di barili in meno al giorno. Coinvolta anche Mosca. L’OPEC, l’organizzazione dei Paesi esportatori di petrolio, ha appena siglato un nuovo accordo quadro. E’ la prima volta che accade una cosa del genere da otto anni a questa parte ed è un risultato arrivato al termine di una trattativa molto complessa, che vedeva contrapposti i tre principali produttori mondiali, Arabia Saudita, Iraq e Iran. In più, il nuovo accordo ha coinvolto anche Paesi che dell’OPEC non fanno parte, come la Russia. L’effetto Leggi tutto

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*