Foglio di via per Salvatore Barbera: militante di Greenpeace fermato il mese scorso

Roma

Foglio di via per Salvatore Barbera: militante di Greenpeace fermato il mese scorso

greenpeace_logo

Il 6 dicembre scorso 8 attivisti di Greenpeace sono stati fermati dalla polizia per una azione davanti a Palazzo Chigi. Avevano aperto un grande striscione – “il clima cambia, la politica deve cambiare” – per chiedere al governo e al ministro dell’ambiente di presentarsi alla conferenza sul clima delle Nazioni Unite, in svolgimento in quei giorni a Durban, con una posizione decisa per la salvaguardia del clima.

A seguito della manifestazione, a Salvatore Barbera è stato consegnato un foglio di via obbligatorio che intima di non rientrare a Roma per i prossimi due anni. Sicuramente i vari fermi di polizia per le azioni fatte durante la campagna referendaria, che hanno ricevuto quest’anno i militanti di Greenpeace, magari avranno avuto un peso determinante sulla decisione presa dal questore.
In ogni caso, è bene dire che questo tipo di provvedimento viene normalmente utilizzato per reati ben più gravi: basti pensare che è storicamente impiegato per chi è sospettato di prendere parte ad attività di stampo mafioso.

greenpeace_logo
Gli avvocati di Greenpeace hanno presentato immediatamente ricorso al TAR, ma ormai sono passati più di 40 giorni.
In una nota di Greenpeace, si può leggere tutta l’indignazione del caso: “Non possiamo accettare, come organizzazione che fa dell’attivismo la sua bandiera da 40 anni, che nel nostro paese manifestare per la salvaguardia del clima sia equiparato ad un delitto, o peggio ad un atto mafioso”.

Per qualsiasi informazione su questo caso Greenpeace ha aperto un nuovo sito:
banditidelclima.org

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche

Loading...