Come formattare SSD prima di installare Windows

Tecnologia

Come formattare SSD prima di installare Windows

SSD

Come procedere alla formattazione di un'unità SSD senza aver prima installato una qualsiasi versione di Windows sul proprio computer?

Perché formattare una SSD

Abbiamo appena finito di occuparci di come formattare una SSD senza ricorrere all’aiuto di un tecnico. Ora vogliamo alzare il tiro, e occuparci di SSD in ambiente Windows. Può infatti verificarsi, e non è neanche così raro che accada, che vi troviate nella condizione di dover reinstallare il sistema operativo. I motivi possono essere i più svariati, ma se siete degli smanettoni che amano agire sui file di sistema potreste aver compromesso alcune funzioni, anche al punto da essere costretti a ripartire da una versione di Windows, diciamo così, “vergine”. Quando vi trovate in una siffatta situazione, la cosa migliore da fare è partire dalla formattazione dell’unità SSD, per poi procedere con la nuova installazione del sistema operativo.

Installazione SSD da NTFS

Il sistema NTFS è stato inventato da Microsoft come file system dei propri sistemi operativi. In pratica, si tratta della versione testuale di Windows, in cui, con una pur sommaria conoscenza del codice, è possibile svolgere le medesime funzioni del celebre sistema operativo.

Ad esempio, procedere alla formattazione di un’unità di memoria, come una SSD. Per farlo, basta effettuare il boot del sistema tramite il DVD fornito al momento dell’acquisto della propria copia di Windows. Quindi, andare su “Installa”, selezionare l’opzione “Personalizza”, selezionare l’SSD come destinazione e avviare la formattazione in NTFS.

Altri file system

Per quanto più datato di NTFS, in ambiente Windows si tende a usare il file system FAT32, perché più flessibile; inoltre, non presenta problemi di compatibilità con le versioni più vecchie del sistema operativo di Microsoft (laddove, quasi per paradosso, NTFS si rivela estremamente funzionale soprattutto con i Mac). Altri file system utili per i medesimi scopi: CCleaner, HDShredder, HDD Low Level Format, GParted Live.

Dopo la formattazione

Una volta eseguita la formattazione – è consigliabile utilizzare la procedura veloce, dal momento che per questo tipo di operazioni la procedura più lunga non comporta alcun vantaggio specifico -, sarà possibile utilizzare l’unità SSD anche per la nuova installazione di Windows.

Bisogna tenere presente, tuttavia, che affinché l’installazione vada a buon fine l’SSD deve avere uno spazio memoria di almeno 8 GB, a prescindere dalla versione di Windows che ci si accinge a installare.

Se state dunque prendendo in considerazione l’idea di comprare una nuova SSD o di sostituirne una vecchia, non possiamo che consigliarvi le più vendute sul mercato. Il primo modello che vi proponiamo è quello della Samsung e si tratta della 850 EVO. Per il modello da 250 GB inoltre potrete spendere meno di 100€.

Il modello seguente invece è prodotto dalla SanDisk, multinazionale americana specializzata nella produzione delle memorie flash. Un’ottima alternativa al modello di casa Samsung, presente sul web ad un prezzo davvero conveniente, per uno spazio da 240 GB!

Infine, l’ultima SSD, è il modello Crucial MX300 da 275 GB, brand della multinazionale americana Micron Technology. Per quanto riguarda il prezzo, non ci discostiamo dai prodotti precedentemente elencati.

Qui entrano in gioco le preferenze di spazio a disposizione e l’attaccamento ad un determinato brand piuttosto che un altro.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche